Ti trovi qui:Portale/Visualizza articoli per tag: Romanzi

La stagione dell’ira - Capitolo 18

Capitolo Diciottesimo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-16.jpg 

Terzo giorno di udienza. Fu Luigi Filosa a parlare… 
“Non avrei detto di me se non si trovasse fra le carte processuali un atto che accenna al mio passato. Quando in un documento giudiziario si afferma: 'questo soggetto è un fanatico, ortodosso, è considerato il capo al quale tutti si rivolgono, il fascista che è andato via dal partito per la sua fede repubblicana', son costretto a parlare del mio passato. Non l’avrei fatto perché non ho l’abitudine di guardarmi nello specchio e richiamando i miei trascorsi, non rinnego nulla perché non ho nulla da rinnegare. Del mio passato sono orgoglioso e non mi difendo piangendo: lo faccio come fa un uomo, con serenità e con il sole in volto. Lo spettacolo non certo edificante di coloro che, a cospetto dell’Alta Corte di giustizia, piagnucolano beccandosi come bambini sorpresi con le dita sporche di marmellata rubata, non è per me.  [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La stagione dell’ira - Capitolo 17

Capitolo Diciassettesimo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-17.jpg
 

In attesa del dibattimento, Luigi Filosa esaminava meticolosamente gli atti (duemila fogli) e fremeva dalla voglia di rendere finalmente pubblica la sua verità. Si diceva certo che avrebbero dovuto scarcerarci da tempo ma, trattandosi di addebiti di natura eminentemente politica, saremmo stati condannati. Un periodico locale illustrò le ragioni che stavano alla base del dibattimento che sarebbe presto iniziato ma non si schierò a favore, nemmeno contro, gli ottantotto presunti eversori che si apprestavano a sfilare, fieri e impettiti, a cospetto dei giudici soldati. 
Un altro foglio ci qualificò pettoruti e volgari delinquenti! Tutto volgeva al peggio. Anche il capo delle Guardie ai labari, Pignatelli di Cerchiara, era continuamente tirato in ballo per rapporti con il nemico. [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui... 

La stagione dell’ira - Capitolo 16

Capitolo Sedicesimo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-16.jpg

Arrivò la pioggia e disperse il manto candido sui tetti. Da un carcere all’altro, al chiarore delle lucerne o seguendo il cammino della luce, continuavo a scrivere questa storia. Mia, dei miei amici e dei nostri vent'anni. L’iride cinse l’orizzonte d'un immenso arco di colori e si riaffacciò alla mente un canto inca propiziatorio:

Nostra madre Terra, nostro padre Cielo.
Noi siamo i vostri figli. Tessete 
per noi un abito splendente: 
Sia ordito la bianca luce del mattino. 
Sia trama la rossa luce della sera. [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La stagione dell’ira - Capitolo 15

Capitolo Quindicesimo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-15.jpg
 

Tu Calabria hai dato il nome all’Italia. Ti chiamavi Italia e, quando Italia fu il tutto, tu - parte generosa del tutto - fosti Calabria. 
I vincitori d’Italia, da Annibale a Napoleone Bonaparte, da noi dovettero combattere. Massena, principe d'Essling e Maresciallo di Francia, qui logorò la sua armata. I Verdier e i Lacour che avevano soggiogato l'intera Europa non furono in grado di domare i briganti che non avevano frequentato alcuna alta scuola di guerra. Nel tornare da te - ammanettato e con scorta d'onore armata - avverto che uno straordinario spirito aleggia nel ricordo dei tuoi rudi masnadieri. Nel salutare te, saluto loro e gli altri che non accesero le luminarie per porgere il loro benvenuto agli stranieri che venivano a bivaccare nelle tue stupende contrade. [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La stagione dell’ira - Capitolo 14

Capitolo Quattordicesimo

 http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-14_1.jpg

Nel gruppo di briganti ai quali s'addice questo appellativo, va aggiunto Francesco Demichelis. 
Il 26 settembre 1902, mentre Giuseppe Musolino iniziava a scontare l’ergastolo nel penitenziario di Porto Azzurro, il biondin Demichelis entrava a pieno titolo nelle nutrite schiere del banditismo nazionale. Durante la notte, a Ferrera Erbognone, provincia di Pavia, era stato assassinato un carabiniere della Stazione di Sannazzaro de' Burgondi e colpita a morte una guardia campestre. Lo scontro era avvenuto sulla massicciata della tratta ferroviaria Alessandria Mortara. La caccia agli assassini durò poche settimane. 
Veterano della macchia è invece Tiburzi, maremmano, autore di sette omicidi. Latitante per ventiquattro anni, fu stanato e ucciso. Correva l’anno 1896. [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La stagione dell’ira - Capitolo 13

Capitolo Tredicesimo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-13.jpg

Sono stanco del lungo cammino. Ascoltate la mia storia e non condannatemi senza avere prima appreso di me. Mi chiamano il pezzente. Forse perché sono povero di spirito? Sono, questo sì, l’uomo dalle cento vite. Sono stato gladiatore, schiavo, principe indiano, commerciante armeno, bucaniere, tiranno. Sono l’uomo dalle cento vite, mi rinnovo come le stagioni e, come le stagioni, muoio. Sono nato lo stesso giorno in cui è venuto al mondo Caino e mi sono coperto di pelli e nutrito di carni crude. Ho acceso il fuoco colpendo pietra con pietra, cacciato fiere e selvaggi.

Il pezzente! 
Un soprannome impostomi da gente più perversa di me, la medesima che m'ha relegato in questa bolgia infame ove le cento vite vissute... [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La stagione dell’ira - Capitolo 12

Capitolo Dodicesimo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-12.jpg

I gruppi di presunti eversori poterono incontrarsi al passeggio. Tirava un'aria nuova con meno perquisizioni e non più cartocci alla Chambronne lanciati su noi dalla sommità del padiglione H mentre ci recavamo al passeggio. Emilio-Lupo, acre, commentò… 
“Sono stupito. Mi domando come sia possibile cambiare comportamento dall'oggi al domani. Ieri peste e corna al nostro indirizzo e oggi siamo tutti culo e camicia. Questi soggetti non li comprenderò mai dovessi restare in galera in eterno. Per mesi e mesi mozziconi di sigari e sputi nella marmitta a noi destinata e oggi improvvisa la mutazione in immacolate creature del paradiso. Il disprezzo ha fatto posto alla pia fratellanza? Attenti: si tratta di carità pelosa e qualcosa di serio già bolle in pentola come avvenuto a sopralazzo.” [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La stagione dell’ira - Capitolo 11

Capitolo Undicesimo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-11.jpg

Il vaiolo c’era, alcuni casi nel padiglione H, ma non potemmo saperne di più. S'imponeva massima discrezione per non creare ulteriori allarmi. In compenso ci vaccinarono mentre gli infetti, poche decine, furono trasferiti in un lazzaretto fuori città. Teo Pastore, al rientro da uno dei suoi frequenti colloqui con la madre, ci informò d'aver notato sei infermieri intenti a trasferire alcuni corpi nel vicino cimitero, omonimo del recluso-rio. Teo seguitò a parlare. 
“Ancora un pizzico d'attenzione e vi scodello un'altra succulenta notizia. Durante il trasferimento della marmitta dalle cucine al padiglione, i detenuti comuni, tratti in inganno dall'apparente abbondanza di condimento a noi somministrato, vi mollano mozziconi di sigari e sputi.” 
“Con questa forbita dissertazione vorresti farci credere... [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La stagione dell’ira - Capitolo 10

Capitolo Decimo

 http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-10_1.jpg

Durante lo svolgimento dell'incarico di scrivanello, gradito, le occasioni di intrattenersi con i reclusi comuni non mancavano. Ero interessato ad apprendere di loro e delle loro storie personali. Facile comprenderne perché. Da scriba diligente e accorto, assegnato alla copia di atti non secretati, alla tenuta di libri contabili e altri, divenni stimato confidente di numerosi soggetti. Gli agenti non interferivano. Li aiutavo a scrivere ai loro congiunti, nei limiti del consentito e del lecito. Mi capitava a volte di ascoltare i loro giudizi in ordine ai metodi di recupero e rieducazione ai quali, per abitudine ampiamente consolidata, si ricorreva. Vigilando redimere? Oltre al santantonio, ovvero botte a più mani, al letto di Procuste, di contenzione, alla sordida camicia di forza e alla segregazione, non esistevano altri strumenti di punizione ai quali fare ricorso. [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La stagione dell’ira - Capitolo 9

Capitolo Nono

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-9_1.jpg

Nel recarmi in Direzione per ritirare una lettera incontrai Gat Gallerano che ne usciva. Dell'incontro, complici involontari i secondini appartati per discutere dei loro problemi, mi tornano in mente le confidenze sul suo arrivo a Poggioreale... Una scena da inferno dantesco. Ci stiparono in otto in una stanza che poteva accoglierne soltanto cinque. Protestammo e subito ci trasferirono nelle celle singole del padiglione Livorno. Mi assegnarono alla 54. Chiesi uno straccio con intenzione di mettere un po' d’ordine e il secondino di turno mi consigliò di presentare richiesta per ottenere una congrua dose di DDT, l’efficace pesticida introdotto dagli Alleati. Mi fornì una matita e un foglio di carta per stilare la domanda. M’attendeva un’altra sgradita sorpresa... [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Pagina 3 di 5

Visitatori

Oggi 42

Ieri 80

Questa Sett. 190

Questo Mese 1452

Da Sempre 433254

Vai all'inizio della pagina