Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Letteratura/Il Canto di Misma


Il Canto di Misma

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/galasso.jpg

Calma è la notte e il plenilunio estivo
spande sul Mar Tirreno e su pei colli
lievi di Mesma, una silente e mite
                       pioggia d’argento.


Levano ai cieli assorti mestamente
muta preghiera vuota di parole
alti giganti ne la notte i monti
                       de l’Appennino.


Tremulo è il mare. A tratti reca il vento
lieve del bosco note come l’oro:
e’ il divin canto che s’effonde triste
                       da l’usignolo.


Vibra ne l’aere il palpito di un volo,
vaghi fantasmi, in un velo d’argento
danzano in fretta, poi tutto vanisce
                       tacitamente.


Tutto ora tace e il plenilunio mite
piove sui campi fertili di Mesma.
Ecco e dal bosco antico col ruscello
                       esce una Ninfa.


Ed indossa sottili lame d’argento
che tolse all’onda del suo fiume errante:
silente e mesta cerca invano fiori.
                            Di capitelli


Misma, la bella Misma, la leggiadra
Ninfa, confusa a un polverio d’argento
i radianti occhi lacrimosi
                       volge a le stelle.


Tutto ora tace. E allor l’anima mesta
schiude i suoi vaghi petali tremanti
ferma nel cielo è ancor la luna piena.
                       E Misma canta.


Canta la Ninfa a un palpito di pepli
candido al vento pé fecondi campi
di Mesma s’ode. Piove ancor dal cielo
                       il plenilunio.


Sorgon silenti da le rotte mura
bianche figure d’uomini che il mare
guardano meste e al tremolar de l’onde
                       tendon le braccia.

Spuntan guerrieri e su per le colline
corron veloci perché piè nemico
non calchi l’are. In cima a l’elmo brilla
                       l’Orsa Maggiore.


Sorgon efebi e vergini donzelle:
petali al vento de la giovinezza;
recano doni e attorno ai patri fuochi
                       intreccian cori.


Sorgon artisti e in mezzo ai colonnati
errano mesti e le divine forme
cercan de l’opre il vivido occhio insegue
                             d’arte fantasmi.


Sorge Filippo e guarda al firmamento
tremulo d’astri e al limitar del bosco
sente sussurri ed armonie di venti
                       da l’Appennino.


E per i campi ove il fiume errante
come la vita si dilegua al mare
un’armonia si spande al mesto canto
                       di vita ellena.


                       ITALO GALASSO

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!
Nota: le immagini adoperate nell'articolo sono prese dalla rete, il Copyright copre pertanto unicamente il testo scritto.  

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 44

Ieri 97

Questa Sett. 598

Questo Mese 1665

Da Sempre 339569

Vai all'inizio della pagina