Ti trovi qui:Portale/Un Po’ di Tutto/Ereticamente.it/L’apparizione della chiesetta


L’apparizione della chiesetta

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/1/chiesetta.jpg

La Calabria è piena di ruderi, monumenti, aree archeologiche, opere d’arte abbandonate e lasciate all’incuria dell’uomo e al degrado del tempo. Opere di cui la maggior parte dei calabresi viene a conoscenza solo attraverso i media quando diventano oggetto di fatti di cronaca. L’ultimo, in ordine di tempo, riguarda una chiesetta.
Stando a quanto raccontano le cronache di questi giorni un artista bresciano, tale Francesco Vezzoli, scopre sul Web una chiesetta sconsacrata appartenente ad un privato che si trova in contrada Farinella di Montegiordano, in provincia di Cosenza, contatta il proprietario e l’acquista per realizzare un progetto artistico: smontarla e rimontarla presso il Maxxi di Roma, il MoMa di New York e il MoCa di Los Angeles e includerla nel percorso della restrospettiva nomade, attualmente in corso, battezzata “La Trinità”, che prevede l’esposizione nei tre grandi musei del mondo a significare arte, religione e glamour.
Non mi interessa qui giudicare se questa operazione sia o meno arte, lascio ai critici il compito. Mi interessa attirare l’attenzione sull’apparizione della chiesetta, fino al giorno prima sconosciuta ai più.
Vorrei:
1) che alzassero la mano tutti i calabresi che sanno che Montegiordano si trova in Calabria; 
2) che erano a conoscenza dell’esistenza della chiesetta;
3) che sono andati a visitare la chiesetta;
4) che hanno mai alzato un dito per la tutela e la valorizzazione della chiesetta.

Ovviamente la domanda è retorica e la risposta scontata: si contano sulle dita di una mano monca.
Ma questo non vale solo per la sperduta chiesetta di Montegiordano potrei fare un elenco sterminato di monumenti, molto più di pregio e anche più conosciuti, che versano in uno stato di totale abbandono in questa regione. Così come per i laghi silani, apparsi subito dopo il paventato pericolo che venissero svuotati, anche la chiesetta si è magicamente materializzata dopo gli articoli sui giornali e tutti a scandalizzarsi e a protestare contro la follia dell’artista.
Il progetto dell’artista bresciano ovviamente è fallito, ci raccontano le cronache, per l’intervento del Ministero dei Beni Culturali che ne ha dato segnalazione alla Sovrintendenza di Cosenza che è intervenuta sul posto per bloccare l’opera di smontaggio della chiesetta e porla sotto sequestro e tutela della Sovrintendenza stessa.
Tutela? Quale tutela è stata attuata prima dell’arrivo dell’artista? Vorrei conoscere, infatti, quanti e quali progetti di recupero della chiesetta, ma anche di tutti gli altri tesori presenti in Calabria, esistono.
Io non so se il progetto di Francesco Vezzoli fosse solo una provocazione o se fosse reale, di certo è servito a sollevare il velo, ancora una volta, sulla nostra ignavia e ipocrisia. La chiesetta è destinata a restare lì tra le erbacce nell’incuria, nell’indifferenza, nell’oblio e nell’abbandono totale, perchè portandola via porterebbero via un’altra freccia all’arco del nostro vittimismo.

Massimiliano Capalbo
Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it 

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 7

Ieri 104

Questa Sett. 227

Questo Mese 1663

Da Sempre 367575

Vai all'inizio della pagina