Ti trovi qui:Portale/Letteratura/Le Vostre Opere/La Favola


La Favola

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/brunella/gnomi/gnomi-1.jpg

  Volevo una favola... Non una favola da leggere o da vedere al grande schermo: una favola da vivere, vera, adesso!!! Dove trovarla, come iniziarla?
La favola c'era, ma ero io che non la vedevo? Era qui accanto a me? Nascosta?
Ma dove? Dove? Dove?

  Il risveglio era stato duro, dopo una notte da inferno, per il sonno, che tardava a venire, e per i pensieri, che giravano nella mente a trottola.
Mi ero alzata, forse venti volte, ed avevo applicato tutte le tecniche di rilassamento: dal respiro controllato, alla preghiera ripetuta, alla lettura di un libro di storia, prima, e di filosofia dopo; mancavano lo studio statistico delle precipitazioni atmosferiche e, poi, avrei sperimentato sulla mia persona che il rilassamento non è fuori, ma dentro di te e che fuori c'è l'inferno, se dentro non apri la mente al bene e al buono.
“Calmati!” .... Così mi dicevo, sorseggiando un caffè schifoso: capelli scompigliati, occhiali storti sul naso, mi mettevo sotto il getto d'una doccia calda; trovavo un beneficio momentaneo, che ritardava il tran-tran ad orologeria del percorso mattutino: vestirsi, fare colazione, mettere in moto la macchina, iniziare e proseguire un lavoro amato, la marea di gente, che ti riversa addosso i suoi drammi, i suoi problemi, che fa erba bruciata accanto a sé e ti chiede una mano, come colui che affoga, ma ti porta a fondo con sé. Volevo una giornata diversa, la magia di una favola. Possibile? Il getto d'acqua calda mi risvegliava completamente, mentre mi giungevano, ovattate dallo scroscio dell'acqua, le notizie del telegiornale ed una valanga di pubblicità.

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/brunella/gnomi/gnomi-5.jpg http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/brunella/gnomi/gnomi-6.jpg

Ecco dove si nascondeva la favola!
Sotto tutto questo rumoreggiare di vita quotidiana, quatta quatta con gnomi, fate, principi, lampade magiche, la favola cercava vita. Lo scroscio dell'acqua della doccia parlava il linguaggio della cascata, che cade a valle; il muro d'acqua nascondeva l'ingresso d'una grotta infinita, dove gnomi, numerosi come formiche, vestiti di tutti i colori, con il cappuccio pendente sul collo e la barba lunga lunga da farli inciampare, correvano da una parte all'altra misteriosi. Andavano e venivano instancabili, sembravano voler costruire un qualcosa di indefinito...

  La doccia ristoratrice aveva effettuato un restauro efficace per darmi la forza di proseguire e, tra nuvole grigie, incamminarmi nel tran-tran quotidiano. Fuori aveva smesso di piovere ed il sole s'intravedeva tra nuvole grigie che andavano diradandosi mentre il vento, smuovendo i rami degli alberi fradici, creava l'illusione d'una pioggerellina fine fine.
In piena estate, avevamo goduto d'un acquazzone con raffiche di vento e temporale da regione equatoriale: improvvisamente, il cielo  si era aperto e tutto si era trasformato, sotto una pioggia torrenziale, che dilagava nelle strade e nelle case.
La calura s'era attenuata, ma già i raggi di sole, che si sbrigliavano tra nuvola e nuvola, bruciavano la pelle nuda e gocce di sudore imperlavano la fronte, mentre armeggiavo con le chiavi della macchina per entrare e depositare borsa, agenda, libro, e le buste di spazzatura del giorno prima..... Anche questo è routine.
  C'è un'ora per tutto: per lavorare, per mangiare, per vestirsi, ma tutto finalizzato al combattimento quotidiano, con round ravvicinati in sequenza infinita, fino a sera tarda; non c'era l'ora per distendersi, fantasticare, oziare, girovagare per le strade da turista, senza meta. L'ora della vacanza da “VACATIO” ossia" assenza del tutto". O meglio, c'era, ma bisognava conquistarsela e programmarla, con la stesse stesse complicanze della pianificazione di un viaggio intercontinentale.

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/brunella/gnomi/gnomi-3.jpg http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/brunella/gnomi/gnomi-4.jpg

  Sì, mi mancava la favola dell' impossibile e bello ... e come lo scroscio dell'acqua della doccia, nell'affanno della ricerca, si era trasformata in cascata purissima, ecco la mia macchinetta rossa tutta ammaccata, seconda casa disordinata della mia esistenza, dove potevi trovare di tutto, meno che un letto per distenderti, diventava la cassa armonica d'una canzone stonata, iniziata, sussurrata e, poi, cantata a squarcia gola, a finestrini chiusi con la testa ondeggiante, e segnando il ritmo col dito sul volante -ticchettato a mò di batteria- fino a che la botta di caldo superlativo mi costringeva al silenzio ed all'apertura dei finestrini.
  .... E una volata d'aria, modicamente più fresca, mi rinfrancava, mentre in ricerca d'un parcheggio, moderavo la velocità ed ecco... perfetto per me, colpivo nel segno, prevenendo -d'una frazione di secondo- una musa. Guarda, come soddisfatta mi affretto fuori: posteggio perfetto!!!!! Fortuna o casualità.
  Davanti al bar, un vecchio compagno di scuola mi riconobbe, mi fece cenno, si presentò: "Francesco... Francesco V... Oh, sì, Francesco, ma certo Francesco... da quanto tempo... Cosa fai? Che mi dici?...." E davanti ad una tazzina di caffè, ci scambiammo le reciproche notizie, ricordammo vicende, ridemmo, o sì... ridemmo come pazzi a più non posso. Ci scambiammo i numeri di cellulare, certi che non ci saremmo richiamati, ma non era un addio .....
  Era la danza di vita, dalla melodia magica, dove gli incontri avvengono, secondo uno spartito, una sceneggiatura precisa; da protagonista, si passa a diventare comparsa, poi secondo attore, poi regista d'una trama, che non finisce mai, neppure a sipario chiuso, quando tutti gli spettatori sono andati via e si chiudono le luci. La scena continua a casa, per strada, al lavoro ..... e si passa da momenti lieti a momenti drammatici, a quelli comici, faticosi, impossibili, fugaci nella gioia, lunghi e pesanti nel dolore.

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/brunella/gnomi/gnomi-2.jpg

È l'altalena della vita, che riprende nel bene e nel male, dove si chiudono gli occhi nelle discese col conforto che poi, ad occhi aperti, ci sarà comunque la salita, verso il cielo, per rubare una nuvola.....

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Altro in questa categoria:

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 7

Ieri 104

Questa Sett. 227

Questo Mese 1663

Da Sempre 367575

Vai all'inizio della pagina