Ti trovi qui:Portale/Letteratura/Le Vostre Opere/Donna Clotilde Racconta.../Donna Clotilde Racconta - Capitolo IV


Donna Clotilde Racconta - Capitolo IV

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/lucia/donna-clotilde.jpg

A Lu Chianiceddhu

Testo Originale (con dialoghi in Dialetto Calabrese)

Gesùzza!!...Gesùùùù!!” mani ai fianchi e mantesìno, donna Rosina Cannistrà, per strada, davanti il suo basso, chiama a gran voce l’inquilina del piano di sopra.
…Gesùù!!...” urla con il naso per aria.
Si apre il minuscolo balconcino…
Cù è?” si sente una voce.
Cummàra Gesùù…sùgnu èu…Rosina!” si fa riconoscere; e sul minuscolo balconcino compare una donnina rattrappita dai capelli grigi e crespi mal raccolti dietro la nuca da grosse e nere forcine d’osso. Si sporge dalla ringhiera appesantita da innumerevoli vasi e vasetti di basilico e gerani.
Ah…Rosì…sìti vùi?! Scusatemi si ‘on vi rispundìvi subbitu, ma finivi mo mò ma ‘mpastu ‘a scilatèddha!!...cchì volìti?
Scusati  cummà, vulìa sapìra si vi trovàti du cipùddhi!
Ca còmu cummà!!...quali volìti chìddhi russi ‘e Tropea o chiddhi jànchi?
S’avìti chìdhdi russi è mègghiu cchì haiu l’ùrtima fìgghia mia cchì èsta gràvida e ‘nci vìnna gulìa de pasta ccù  a sarsa, cipùddha e vasalicò!” 
Mamma Rosììì…davèru u dicìti cà Cuncettèddha è gràvida!? - si meraviglia Gesuzza, poi si gira verso l’interno della sua casa –Peppì…Peppinùùù!... Cuncètta dà cumàra Rosina l’avìmu gràvida!! – poi, senza aspettare la risposta del marito, si rivolge di nuovo a Rosina - …e mò è quant’èsta?
…’e cìncu misi…a frevàru sgrava…!!” puntualizza orgogliosa donna Rosina.
Cummà…sùgnu cuntènta assaii…aspettati… -si rivolge di nuovo all’interno –Peppinù fammi u piacìra pìgghiami du cipùddhi russi ‘ntà u tiratùru dà cridènza e portamìlli ccà…! – dopo qualche secondo, una mano da uomo porge alla donna le due cipolle. La nostra comare ora si sporge verso donna Rosina “Rosì ampràti ‘u mantisìnu cà vi jèttu i cipùddi!” e mentre la nostra Rosina raccoglie contenta con il suo grembiule le due cipolle… “Cummà, sapìti cchì fàzzu mò? scìlu ‘a pasta e v’ìnda pòrtu nu pòcu ppè Cuncètteddha, vògghiu propriu ma ‘a vìju!!” e veloce scompare dietro la porta finestra del minuscolo balconcino.
Cuncèèè…! Cuncèèè…!” Rosina scende frettolosa le due scale che portano nella sua mono-camera.
La figlia è seduta davanti al tavolo da pranzo: sta  leggendo svogliatamente le solite due righe sotto la foto dell’ultima attricetta in voga.
Chhì vulìti mammà?” le chiede senza alzare gli occhi dalla sua sana lettura.
Arregìstrati cà mò stà scindèndu sutta ‘a cummàra Gesuzza cà vò mà ti vìda! - e svelta scompare dietro la tenda     a fiori – cà eu mùndu stì du cipuddhi ppè ‘u sucu!
A mà!! pùru a iddha ‘nciù dicìsti ?!” si lamenta la gestante e, a malincuore si trascina davanti lo specchio dell’armadio: si guarda, si rassetta i capelli, poi si gira e si rigira scrutando il suo ventre ormai prominente.
Intanto la nostra Gesuzza, svelta svelta, ha ormai finito di “scilare” la pasta: la sua scilateddha è pronta, ben stesa sul canovaccio del tavolo della cucina, mentre quella di Concetteddha è stata deposta su un piatto ben coperta da un tovagliolo bianco, pronta per essere consegnata.
Peppinù! –manda una voce al marito che sta leggendo il giornale sulla poltrona del salottino – scìndu sùtta d’à cùmmara Rosina ma ‘nci pòrtu si du scilatèddhi pp‘a figghia e poi sagghiu ma ti cucìnu!
Vidi numm’addimùri Gesù cà a menzijòrnu vògghiu ma màngiu!” risponde secco il marito senza alzare gli occhi dal giornale. 
E’ permèsso…pozzu trasìra?” Gesuzza fa capolino dalla porta di donna Rosina.
Trasìti…! Trasìti…cummàra Gesù…! Assettatevi ccà…! -e scosta una seggiola dal tavolo – assetàtevi …vi fàzzu nù cafè?” premurosa donna Rosina si dirige verso la tenda fiorata. 
Noo…no! Cummàra Rosì, nun vògghiu nènta!! Vìnni sulu ma vìju Cuncetteddha…! Pigghiàtevi si dù fili ‘e scilatèddha ” e le porge il piatto coperto dal tovagliolo bianco.
“ …Cuncè cà a Cummàra ti portau i scilatèddhi!...assettatevi cà donna Gesù…!” insiste Rosina.
Noo…avìti pacènza…, ma vàju e prèscia cchì u maritu meu vò ma mangia a menzijòrnu…!!” E intanto scruta con gli occhi la donna che è seduta ad un angolo del letto matrimoniale con il solito giornale tra le mani.
Cuncè…bella e mammà…àzati! Ca ‘a cummàra và ‘e prèscia ” Rosina sollecita la figlia e Concetta a malincuore, reggendosi con una mano la schiena, si alza e con un mezzo sorriso, va incontro alla comare.
Bon giòrnu e gràzzi donna  Gesù!” di mala voglia va verso la comare.
Vèna ccà bèddha…!” e Gesuzza la bacia su ambo le guance con slancio, poi…
… fammi vidìra sa panzarèddha! ”  e l’allontana un po’ concentrandosi sul suo ventre prominente: attenta inclina la testa ora da un lato ora dall’altro, poi… 
…mìntati e profìlu…!” e Concetta con poco entusiasmo si gira, poi ancora…
…vòtati d’arrètu…!” e Concetta suo malgrado ubbidisce.
Cchì èsta donna Gesù…dicìtimi!” Rosina con curiosità interroga la comare.
Donna Rosina mia, chìsta  fà màsculu! -sentenzia –‘on ‘u vidìti cchì ava a panza pizzùta!!
Davèru cummà?... sì cuntènta Cuncè?” chiede Rosina alla figlia.
A mà, a mmìa mi piacìa cchiù nà piccirìddha..! -si lamenta Concetta – cummà è sicùru cchì èsta nu màsculu?
Ca còmu, beddha e mammà… -risponde sicura Gesuzza –si fussèra stata fìmmina ast’ùra avìvi ‘a pànza tùnda e ‘u cùlu rànda…!
Gesùùùù…!” intanto una voce da uomo rimbomba nel vicolo.
Gesuzza trasale.
M’ìnda vàju cummà…” e frettolosa si accinge ad andar via.
“ V’ìnda jiàti…?” si lamenta Rosina.
“ Gesùùù… -insiste la voce nel vicolo  -…sàgghia cchì è quasi menzijòrnu…!” 
…u sentiti ‘u maritu meu?” si lamenta Gesuzza e senza salutare va via.
L’omini sùnnu tutti ‘guàli…!” si consola Rosina  vedendola scomparire dall’uscio.  

Note:

  • Scilatella: pasta fatta in caso che ha, pressappoco, la forma di  un bucatino.

  • Scilare (deriva da Scilatella): è il meccanismo attraverso il quale si prepara adoperando un ferro sottile.

Nota: Per chi non avesse familiarità con il dialetto calabrese, ecco a seguire la traduzione completa in italiano.


Testo Tradotto (con dialoghi in italiano)

[spoiler title=""]

Gesuzza!!...Gesuzza!!” mani ai fianchi e grembiule, donna Rosina Cannistrà, per strada, davanti il suo basso, chiama a gran voce l’inquilina del piano di sopra.
….Gesuzza !!...” urla con il naso per aria.
Si apre il minuscolo balconcino…
Chi è?” si sente una voce.
Comare Gesuzza…sono io…Rosina !” si fa riconoscere; e sul minuscolo balconcino compare una donnina rattrappita dai capelli grigi e crespi mal raccolti dietro la nuca da grosse e nere forcine d’osso. Si sporge dalla ringhiera appesantita da innumerevoli vasi e vasetti di basilico e gerani.
Ah!...Rosina…siete voi?! Scusatemi se non vi ho risposto subito, ma ho finito adesso di impastare la scilatella (1)!!...cosa volete?
Scusatemi comare, volevo sapere se avete due cipolle!” 
Ce l’ho…ce l’ho!!...quale tipo volete, quelle rosse di Tropea o quelle bianche?” 
Se avete quelle rosse è meglio, perché l’ultima delle mie figlie è incinta e le è venuta voglia di pasta con il pomodoro, cipolla e basilico!” 
Mamma mia, Rosina…cosa mi dite! Concettina è incinta!? -si meraviglia Gesuzza, poi si gira verso l’interno della sua casa - Peppino…Peppinooooo…Concettina, la figlia della comare Rosina è incinta!! – poi, senza aspettare la risposta del marito, si rivolge di nuovo a Rosina - …e di quanti mesi è?” 
…di cinque mesi…a Febbraio partorisce…!!” puntualizza orgogliosa donna Rosina.
Comare mia…sono proprio contenta…aspettate … -si rivolge di nuovo all’interno – Peppino…per piacere prendi due cipolle rosse dal cassetto della credenza e portamele qua…!”  dopo qualche secondo, una mano da uomo porge alla donna le due cipolle. La nostra comare ora si sporge verso donna Rosina “ Rosina! aprite il grembiule che vi butto le cipolle ! - e mentre la nostra Rosina raccoglie contenta con il suo grembiule le due cipolle…-Comare, sapete cosa faccio ora ? finisco di preparare la scilatella e ve ne porto un poco per Concettina, voglio proprio vederla!!” e veloce scompare dietro la porta finestra del minuscolo balconcino.
Concettaaa…! Concetta…!”  Rosina scende frettolosa le due scale che portano nella sua mono-camera.
La figlia è seduta davanti al tavolo da pranzo: sta  leggendo svogliatamente le solite due righe sotto la foto dell’ultima attricetta in voga.
Mamma cosa volete?” le chiede senza alzare gli occhi dalla sua sana lettura.
Mettiti in ordine che sta scendendo Comare Gesuzza,  ché vuole vederti!  - e svelta scompare dietro la tenda a fiori – io, intanto sbuccio queste due cipolle per fare li  sugo!” 
Ma…mamma! Anche a “quella” l'hai detto?!”  si lamenta la gestante e, a malincuore si trascina davanti allo specchio dell’armadio: si guarda, si rassetta i capelli, poi si gira e si rigira scrutando il suo ventre ormai prominente.
Intanto la nostra Gesuzza, svelta svelta, ha ormai finito di “scilare”(2) la pasta: la sua scilatella è pronta, ben stesa sul canovaccio del tavolo della cucina, mentre quella di Concettina è stata deposta su un piatto ben coperta da un tovagliolo bianco, pronta per essere consegnato.
Peppino! –manda una voce al marito che sta leggendo il giornale sulla poltrona del salottino – Scendo dalla comare Rosina. Porto questo piatto di scilatelle alla figlia e poi torno e ti cucino!” 
Non fare tardi Gesuzza! Voglio mangiare a mezzogiorno!” 
E’ permesso? ….posso entrare?” Gesuzza fa capolino dalla porta di donna Rosina.
Entrate…! Entrate…comare Gesuzza! Sedetevi qua…!- e scosta una seggiola dal tavolo – Sedetevi…vi faccio un caffè?” premurosa donna Rosina si dirige verso la tenda fiorata. 
Nooo…No! Comare Rosina, non voglio niente! Sono venuta solo per Concettina! Prendete questi due fili di scilatelle!” e le porge il piatto coperto dal tovagliolo bianco.
“ …Concetta! Guarda! La comare ti ha portato la scilatella!...sedetevi qua, donna Gesuzza…!”  insiste Rosina.
No! No! Abbiate pazienza…, ma ho fretta perché c’è mio marito che  vuole mangiare a mezzogiorno…!” E intanto scruta con gli occhi la donna che è seduta ad un angolo del letto matrimoniale con il solito giornale tra le mani.
Concetta…bella di mamma tua…alzati! chè la comare ha fretta!”  Rosina sollecita la figlia e Concetta a malincuore, reggendosi con una mano la schiena, si alza e con un mezzo sorriso, va incontro alla comare.
Buon giorno e grazie, donna Gesuzza!” di mala voglia va verso la comare.
Vieni qua bella…!” e Gesuzza la bacia su ambo le guance con slancio, poi…
… fammi vedere questa pancetta!”  e l’allontana un po’ concentrandosi sul suo ventre prominente: attenta inclina la testa ora da un lato ora dall’altro, poi… 
…mettiti di profilo…!” e Concetta con poco entusiasmo si gira, poi ancora…
…voltati di dietro…!” e Concetta suo malgrado ubbidisce.
Cos’è? Donna Gesuzza…ditemi!” Rosina con curiosità interroga la comare.
Donna Rosina mia, questa partorirà un  maschio! -sentenzia – Guardate! Ha la pancia  a punta!!
Davvero Comare?....sei contenta Concè?” chiede Rosina alla figlia.
Mamma…a me piace più  una femmina… -si lamenta Concetta – comare, ma è sicuro che è un maschio?
Certo bella di mamma… -risponde sicura Gesuzza –se fosse stata una femmina, a quest’ora avresti avuto la pancia tonda e il sedere grande…!” 
Gesuzzaaaa…!”  intanto una voce da uomo rimbomba nel vicolo.
Gesuzza trasale.
Me ne vado comare….”  e frettolosa si accinge ad andar via.
“ Ve ne andate?”  si lamenta Rosina.
“ Gesuzzùùùùù … -insiste la voce nel vicolo  -…Sali che è quasi mezzogiorno…!”  
…lo sentite mio marito?”  si lamenta Gesuzza e senza salutare va via.
Gli uomini sono tutti uguali…!”  si consola Rosina  vedendola scomparire dall’uscio.

Note:

  • Scilatella: pasta fatta in caso che ha, pressappoco, la forma di  un bucatino.

  • Scilare (deriva da Scilatella): è il meccanismo attraverso il quale si prepara adoperando un ferro sottile.

[/spoiler]

Nota: Ogni riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti è puramente casuale. I personaggi e le storie narrate sono frutto della pura immaginazione dell'autrice. Si declina ogni responsabilità.

 

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it 2011. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 69

Ieri 83

Questa Sett. 69

Questo Mese 1500

Da Sempre 376759

Vai all'inizio della pagina