Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Un po' di tutto/Foxboro Hot Tubs, ritorno al garage rock


Foxboro Hot Tubs, ritorno al garage rock

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/fox/fox.jpg

Nel 2007, su MySpace comincia a imperversare un gruppo nuovo, che però sembra venire direttamente dagli anni '60. Si tratta dei Foxboro Hot Tubs che, capitanati da Reverend Strychnine (un nome che è tutto un programma), prima mettono alcuni pezzi in download gratuito sulla loro pagina Myspace e poi, nel maggio 2008, pubblicano il cd in formato fisico, piazzandosi al 21° posto nelle classifica americana. Non male per degli esordienti assoluti... no? Nonostante le sonorità garage rock, figlie di gruppi come Electric Prunes, 13th floor elevators, Shadows of the night e Flaming Groovies, qualcuno inizia a sospettare che dietro ai Foxboro ci sia più di quello che vogliono far vedere. 

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/fox/fox2.jpg

D'altronde, la voce è abbastanza particolare e riconoscibile, soprattutto se si segue da anni un certo gruppo. Dietro l'identità del Reverendo si nasconde infatti Billie Joe Armstrong, leader dei Green Day, gruppo che non ha certo bisogno di presentazioni (vero?). La scelta di dedicarsi a un side project è dovuta probabilmente a due fattori: sperimentare un altro genere senza per questo intaccare il gruppo principale, icona del pop-punk moderno, e vedere dove sarebbero potuti arrivare se avessero dovuto ricominciare da zero. In effetti i risultati erano stati buoni, peccato che il gioco sia stato scoperto troppo presto. Brani come Mother Mary, Stop drop and roll, Sally, hanno un ritmo coinvolgente, ed è un peccato che ad oggi l'esperimento Foxboro Hot Tubs si sia fermato al disco d'esordio. 

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/fox/fox3.jpg

Tuttavia, secondo gli stessi Green Day, una sorta di seguito spirituale è il disco iDos, che in effetti deve molto al garage rock e poco al punk. 
Se quindi volete scoprire i Green Day in una veste alternativa, questi sono i due dischi di riferimento. 
In attesa che ritornino alla “cattiveria” (sia musicale ma soprattutto dei testi) di American Idiot o 21th century breakdown, è un ottimo modo per scoprire l'animo più scanzonato del gruppo, che sembrava ormai morto e sepolto dopo i primi due album, gli adolescenziali 1,039 smoothed slappy hours e Kerplunk.
Buon ascolto! :ok

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!
Nota: le immagini adoperate nell'articolo sono prese dalla rete, il Copyright copre pertanto unicamente il testo scritto.  

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 14

Ieri 84

Questa Sett. 174

Questo Mese 1229

Da Sempre 328886

Vai all'inizio della pagina