Ti trovi qui:Portale/Visualizza articoli per tag: Riflessioni

Panico paura

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/panico-paura.jpg

Ieri sono stato contattato da un noto istituto di ricerca italiano per un sondaggio telefonico. La signorina, molto gentile, mi chiede se sono disponibile a partecipare. Certo, rispondo, perchè mi fa piacere se le mie risposte possono contribuire ad una maggiore conoscenza della realtà. Ma si capisce fin dall’inizio che lo scopo del sondaggio non è quello.
Tutte le domande erano “orientate” a comprendere la fiducia nel governo attuale, nei suoi ministri ed eventualmente in Matteo Renzi come futuro premier, ma due domande in particolare tra le tante mi hanno colpito. La prima, lei chi voterebbe come premier tra Enrico Letta e Matteo Renzi? Di altri candidati nessuna traccia neanche nelle domande successive, ma può darsi che il committente fosse interessato a conoscere l’opinione solo su questi due nientalisti, ci può anche stare. L’altra, invece, è stata quella che mi ha sconcertato, alle prossime elezioni chi voterebbe tra Forza Italia, PD, NCD, Scelta civica, Lega, Fratelli d’Italia o SEL? Al che la mia obiezione è sorta spontanea, è il M5S? [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Il Premier preventivo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/premier-preventivo.jpg

Avevamo conosciuto la censura preventiva, la guerra preventiva, i sequestri preventivi, i trattamenti preventivi, il concordato preventivo ma ancora ci mancava il premier preventivo. E’ l’ultima novità in campo politico e ad impersonarlo è il nientalista del momento: Matteo Renzi.
Nonostante non sia stato eletto da nessuno, se non da una sparuta maggioranza di iscritti al suo partito (appena 1.638.934 di voti su una popolazione di 46 milioni di aventi diritto), si muove come se fosse già premier. Rilascia dichiarazioni destabilizzanti, redige proposte di legge, incontra Premier in carica e Presidente della Repubblica quando lo desidera, detta condizioni, lancia ultimatum, gli è sufficiente fare un battuta per provocare delle dimissioni, una via di mezzo tra Mandrake e Silvan.
Il signor “se io fossi…” sembra essersi trasformato nel signor “fate finta che io sono…” perchè, per il momento, il re Giorgio non intende concedere ai suoi sudditi il diritto di voto. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Non c’è più rispetto

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/niente-rispetto.jpg

Hanno destato sdegno, come sempre accade in queste circostanze, le immagini di un duplice omicidio riprese dalle telecamere di un bar di Decollatura, in provincia di Catanzaro, che hanno fatto il giro dei media per spiegare al mondo come si uccide in Calabria, quasi come se si trattasse della preparazione di un piatto tipico, introvabile altrove.
Tutte le persone civili, me compreso, hanno reagito secondo copione affermando che questa non è la Calabria vera, che non si riconoscono in queste immagini, che si tratta di criminali, di bestie etc. etc. Abbiamo, come al solito cercato di rimuovere ciò che ci è sgradito vedere e preso le distanze dalla realtà che ci circonda.
Ma la realtà non può essere rimossa perchè ci siamo immersi e quando tenti di farla uscire dalla finestra puntualmente rientra dalla porta a chiederti di farci i conti. E la porta mi si è spalancata in palestra mentre ero intento a fare i miei esercizi per gli addominali, qualche giorno fa, quando ho captato per caso la conversazione tra una mamma e il proprietario della palestra, nel corso della quale la signora spiegava i motivi per cui aveva deciso di iscrivere il figlio al Karate, nota arte marziale giapponese. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Serva Italia di dolore ostello

Scritto da Domenico Sorace

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/serva-italia.jpg

Ci risiamo! Non puoi distrarti un attimo, ed ecco che la politica torna a farsi predona e sfrontata. Non avevamo finito di gioire per la lezione di civiltà data dalla Corte Costituzionale che i politici son tornati a farsi beffe di noi.
Tutto ha inizio con la sentenza della Consulta n. 1/2014 che, come si ricorderà, aveva strapazzato il sistema elettorale meglio noto come “Porcellum”, fissando al contempo un doppio criterio: a) la necessità, in un sistema proporzionale, di accompagnare il premio di maggioranza con la fissazione di una soglia minima di consenso; b) la necessità di presidiare l’elezione delle Camere con l’attribuzione di un diritto di scelta all’elettore.
Macchè. E’ bastato un attimo ed ecco che i cattivi maestri son tornati più forti che mai... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Dove sono le panchine?

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/dove-panchine.jpg

Nella mia città vedo sempre meno panchine in giro. Una panchina non è solo un posto dove sedersi, una panchina è uno strumento di socialità. La possibilità di stare seduti in luogo pubblico porta con sé un senso di appartenenza dei luoghi e di familiarità con gli spazi aperti che si è persa col tempo. Chi vuole sedersi in una piazza o in un viale deve rivolgersi a qualche attività commerciale (bar, gelateria etc) pagando la consumazione dei prodotti venduti.In altre parole, stare seduti senza far nulla non è più possibile. L’ozio sarà pure padre dei vizi ma è anche stato padre delle filosofia antica. Se, infatti, gli antichi non avessero avuto molto tempo a disposizione per stare seduti assieme nelle piazze, non penso che sarebbero riusciti a tirar fuori tanti pensieri eruditi sulla natura, su Dio e sugli uomini. Non si fa filosofia immersi nel traffico, con le scadenze o a lavoro. C’è bisogno di ozio, di un tempo neutro in uno spazio neutro e condiviso perché il pensiero fluisca e si diffonda restituendo, alla fine di un circolo virtuoso di contaminazioni, al mittente originario idee. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La comunicazione autistica

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/comunicazione-autistica.jpg

Più passano gli anni e più aumenta il rumore. Più aumentano i mezzi di comunicazione e più aumenta l’esposizione. Più si moltiplicano le occasioni per farlo e più la comunicazione muore. E’ il paradosso della nostra era, l’era delle scatole vuote, dei contenitori privi di contenuto.
In realtà il primo assunto, il presupposto perchè ci possa essere comunicazione, è mettersi in ascolto, un atteggiamento che dovrebbe avere, come conseguenza, l’entrare in relazione con il destinatario della nostra comunicazione. Ma questo presupporrebbe una messa in discussione delle nostre convinzioni, una disponibilità a decentrarci, a fare spazio all’altro e a sforzarci di comprenderne bisogni e aspirazioni.
Siamo circondati da gente che crede di comunicare ma che non fa altro che sommarsi al rumore generale, nel quale ormai viviamo immersi, al punto che ciò che riesce a catturare la nostra attenzione è ciò che nel rumore riesce a farsi sentire, il silenzio. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Costruttori di notizie

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/costuttori-notizie.jpg

Un tempo i media si limitavano a riportare le notizie, il bravo giornalista veniva inviato sul posto inizialmente col taccuino poi col microfono in mano, osservava i fatti (spesso a rischio della propria vita o del proprio posto di lavoro) e trascriveva o filmava ciò che accadeva dal proprio punto di osservazione. Oggi non è più così, i media non riportano più le notizie ma sempre più le fabbricano.
La diffusione sempre più capillare di videocamere, smartphone ed altre diavolerie simili ha trasformato ciascun cittadino in un reporter spesso improvvisato, basti pensare al successo di siti web come YouReporter. Non è più necessario, dunque, inviare il giornalista per catturare la notizia perchè è la notizia che arriva già confezionata nelle redazione di tv, giornali e radio senza il minimo sforzo da parte loro che devono solo limitarsi a “controllarla”, filtrarla, inserirla nel palinsesto e commentarla. Ecco dunque che l’evento, il fatto di cronaca, già documentati, spesso in tempo reale, servono a dare lo spunto per ricamarci sopra per aggiungere informazioni, per creare una notizia di secondo livello che diventa poi quella oggetto dell’attenzione dell’opinione pubblica. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Stato-cittadino: superare il conflitto

Scritto da Domenico Sorace

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/stato-cittadino.jpg

La democrazia, al di là delle sue definizioni filosofiche, è, al succo, un intreccio complesso e variamente articolato di rapporti di forza, che ha per protagonisti lo Stato da una parte ed i Cittadini, intesi nella dimensione individuale o associativa, dall’altra. Ci si è sempre chiesti quale sia il limite del potere autoritativo dello Stato, a fronte degli interessi sovrani che, secondo le costituzioni moderne, si incarnano nel popolo.
La soluzione all’apparente antinomia si è trovata nel principio secondo cui la sovranità dei cittadini confluisce e si risolve nell’Autorità dello Stato, esternata secondo moduli fissati dalle leggi.
In questo senso, il rapporto Stato-Cittadino registra una asimmetria che, tuttavia, non è antinomia, essendo finalizzata a definire e strutturare l’universo magmatico... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Please visit Calabria

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/please-visit.jpg

In questo blog ci siamo occupati spesso di turismo e Calabria. Alla luce di continue notizie in merito la realizzazione di innumerevoli opere dall’impatto ambientale dirompente, giungo alla considerazione come l’idea di turismo in Calabria sia utopica ed irrealizzabile in qualsiasi forma. La Calabria è terra di centrali, pale eoliche, inceneritori, fotovoltaico e discariche pubbliche, private e clandestine. Però, siccome è male parlar male, allora (parafrasando l’invito rutelliano) “Please, Visit Calabria”.
Please, visit Calabria: troverete foreste di pale eoliche senza un albero o un cespuglio che dia fastidio o deturpi il paesaggio.
Please, visit Calabria: ci sono ettari di fotovoltaico, nero come la pece, uno spettacolo per gli occhi! [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Numeri

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/numeri.jpg

Quanta pelosa indignazione, istituzionale e non, dobbiamo ancora ascoltare per i recenti fatti accaduti a Lampedusa? Non manca più nessuno? Nessun’altra reazione contrita e carica di sdegno? E perchè poi? “Siamo numeri, siam ricchi e poveri, ma siamo solo numeri…“, come recita il testo di una canzone di Raf, e la vicenda di Lampedusa è una vicenda di numeri.
In una nota Legacoop Sicilia afferma di aver “dato indicazione alle cooperative socie di Lampedusa Accoglienza di rimuovere e rinnovare il management attuale e di avviare immediatamente una migliore organizzazione con altre professionalità“. Si, avete letto bene, hanno utilizzato due parole, “management” e “professionalità”, che cozzano con l’altra, che viene spesso usata per rendere più accettabili le prime due in queste circostanze, “accoglienza”.
La nostra società (economicocentrica) è sempre più fondata sul “management”, termine di origine inglese derivato dal campo dell’economia aziendale, che sta ad indicare... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Pagina 4 di 8

Visitatori

Oggi 115

Ieri 82

Questa Sett. 115

Questo Mese 2374

Da Sempre 377633

Vai all'inizio della pagina