Ti trovi qui:Portale/Visualizza articoli per tag: Riflessioni

Ripartire dall’ambiente

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/ripartire.jpg

C’è un’ulteriore ragione, oltre a quelle fin qui descritte, che fa propendere per la tutela e la valorizzazione del bosco dell’Archiforo. I ricercatori dell’Università della Calabria, infatti, ci hanno inviato una ricerca, pubblicata nel 2001, dalla quale si evince che nelle abetine di Serra San Bruno vive e si riproduce un Coleottero carabide unico nel suo genere: il Carabus granulatus calabricus.
Pochi sanno che già nel lontano 1988 il Prof. Pietro BrandMayr aveva rinvenuto a Serra San Bruno un esemplare di Carabus granulatus calabricus e, in seguito a quella scoperta, impostava una ricerca sull’ecologia delle popolazioni forestali calabre di Carabus granulatus, svolta poi in collaborazione con la ricercatrice Maria Carmela Algieri tra il 1996 e il 1998 nelle abetine presso Serra San Bruno.
In modo del tutto indipendente un altro ricercatore, Raffaele Spettoli, ne rinveniva due esemplari nelle faggete presso Colle del Monaco, sempre nelle Serre, nell’agosto del 1997 e una serie nel 1998. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Sprovveduto cercasi

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/sprovveduto.jpg

Un problema appare insolubile agli scienziati più esperti fino a che arriva uno sprovveduto e lo risolve” scriveva Einstein. Perché? Lo spiega in uno dei suoi libri lo psicologo dei paradossi Watzlawitch.
Per risolvere un problema “insolubile” occorre essere fuori dalla sua visuale, devi vedere dall’esterno del problema, non è una questione di intelligenza, ma di visuale, finché hai lo sguardo sul problema e sulle condizioni o convinzioni che lo fondano, non lo risolvi.
Occorre qualcuno che veda quello che gli esperti non vedono e non lo vedono proprio perché sono esperti. Il loro sapere li acceca. E’ il momento dello “sprovveduto”.
Ho sempre dubitato delle persone che sfoggiano il loro sapere, mi fido invece del medico che critica la medicina, dell’economista che critica l’economia, dell’insegnante che critica la pedagogia... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

L’ultima ideologia

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/ultima-ideologia.jpg

Avevo circa una ventina d’anni quando acquisii la consapevolezza che continuare ad interessarmi al calcio, ed in particolare continuare a tifare per la mia squadra del cuore, la Juventus, sarebbe stata solamente una perdita di tempo. Una consapevolezza maturata non in seguito ad un periodo di crisi della mia squadra, stiamo parlando degli anni tra il ’95 ed il ’98, in cui il Milan e la Juventus si contendevano la maggior parte dei trofei, ma di un sentimento di pura disaffezione.
Quella squadra di cui in passato riuscivo a ricordare per anni la formazione, quei giocatori ai quali potevo affezionarmi e per assistere alle cui gesta atletiche ero disposto al sacrificio, potevano essere ceduti già a gennaio ad altre società, potevano iniziare il campionato con una squadra e finirlo con un’altra, non c’era più gusto. Di lì a qualche anno le società sportive si sarebbero trasformate in società per azioni... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La confusione e la certezza

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/confusione-certezza.jpg

La vicenda che sta vedendo in questi giorni protagonista il bosco dell’Archiforo, nel comune di Serra San Bruno, ha dell’emblematico. Alla stregua di altre vicende simili, infatti, rischia di generare un grosso dibattito sul nulla e di far perdere di vista, ancora una volta, l’unico vero obiettivo che gli abitanti di un territorio possono e devono darsi: quello della sua tutela e valorizzazione.

Ricapitoliamo quanto accaduto. Tutto nasce da un articolo pubblicato online, e viralmente condiviso sui social network, corredato di foto attribuite ad un naturalista, indicanti alcune piante monumentali presenti nel bosco citato che sarebbero in procinto di essere tagliate dal comune per “porre rimedio alle negligenze amministrative che stanno portando il bilancio comunale verso un lauto disavanzo” come si legge al termine dell’articolo. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

I miei 5 cents.

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/cinque-cents.jpg

Ho lanciato la pietra e non nasconderò la mano.
Ecco, quindi, le mie cinque proposte per iniziare un cammino di rinnovamento della mia terra natia, la Calabria.
Solo una breve premessa sul senso che guida queste proposte.
Si tratta di piccole cose, di passi minimi, non di rivoluzioni o di massimi sistemi. Nulla, a mio giudizio, è più potente del battito d’ali di una farfalla per generare un tornado. Così, saranno le piccole cose a mettere in moto il sistema verso un modello sociale virtuoso e capace di autobilanciarsi. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La fine del pensiero antropocentrico

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/pensiero-antropocentrico.jpg

L’uomo è il centro di tutte le cose?
Questa è una domanda legittima e tutt’altro che scontata.
In un momento quale quello attuale, l’umanità inizia a rendersi conto che le risorse non sono illimitate e che occorre una nuova mentalità, un nuovo modo di approcciare la sostenibilità dello sviluppo della razza, compatibile con l’intero ecosistema nel quale viviamo.
Ma il vero ostacolo al cambiamento di mentalità può essere individuato in questo pensiero radicato, inveterato ed arcaico: l’uomo è il centro di tutte le cose. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

To hack: mettere mano!!!

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/hack.jpg

Mettere mano è la curiosità di conoscere, di sapere.
Mettere mano è non accettare le cose per come ti vengono offerte. Mettere mano è rifiutare il piatto servito, il pacchetto pronto, la scatola confezionata.
Dobbiamo imparare a “mettere mano”. Bisogna iniziare a mettere in dubbio le verità assolute, quelle che ci propinano i media, quelle che pontificano i politici o i religiosi. Occorre ricominciare dal mettere in discussione il nostro rapporto con l’altro e con noi stessi. Mutare paradigma. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Scritto da Giuliano Buselli

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/pesante-privilegio.jpg

"Reggio la liberty, Reggio delle palme e degli scorci vertiginosi sul mare, Reggio dei palazzi di marmo, Reggio della luce marina che trasforma le cose, Reggio del lungomare dove potrebbero sbarcare nuovamente i greci fra un quarto d’ora: quella Reggio e la sua grande bellezza che a volte si cancella ai nostri stessi occhi. 
Perché c’è l’altra città, quella sporca e con le strade a pezzi e i cassonetti stracolmi, quella difficile da vivere tutti i giorni, quella dove personaggi molto simili a quelli della fiction esistono davvero e lavorano attivamente perché la loro grande bruttezza copra e soffochi tutto…..bellezza enorme e negata, presente e sottratta che è comune a Reggio Calabria... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

L’unico filo rimasto

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/unico-filo.jpg

L’umore generale è di sfiducia e rassegnazione. Ci stiamo accorgendo e convincendo che lo Stato è ormai diventato un ostacolo alla libera determinazione degli individui e non più un aiuto come in origine sembrava dover essere. Perchè i partiti se ne sono impossessati e lo tengono in ostaggio.
Assistiamo impotenti al gioco, perchè di gioco si tratta, di queste lobby che continuano ad offendere ed umiliare il lavoro e i sacrifici di tante persone serie in questo Paese. I partiti, queste fabbriche di bugie, tengono in ostaggio una nazione, bloccata per varie ragioni da oltre venti anni, che rischia di rimanerlo ancora fino al 2018. La furbizia sta lasciando il posto alla puerilità, al giovanilismo rampante e infantile, alla vanità, al protagonismo mediatico. In un periodo di crisi in cui ci sarebbe bisogno di uno sforzo collettivo emerge ancora una volta l’individualismo, il personalismo, quello stesso che ci ha condotti al fallimento attuale e nulla più. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Chi deprezza paga

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/disprezza-paga.jpg

Le aree protette italiane racchiudono un patrimonio naturale senza pari in Europa. In Italia vivono 57.000 specie animali, più di un terzo dell’intera fauna europea e 9.000 specie vegetali, ovvero la metà di quelle esistenti nell’intero Continente. Ma è come se tutto questo, per gli italiani, non esistesse.
Questa straordinaria ricchezza viene definita biodiversità, un termine che sta ad indicare non solo la varietà di esseri viventi che popolano un determinato territorio e le relazioni che instaurano tra di loro ma anche le molteplici risorse naturali in esso presenti. Quanti di noi sanno che tutto questo ben di Dio si trova concentrato, in gran parte, tra le Alpi e la Sicilia? Il Ministero dell’Ambiente riconosce ufficialmente 871 aree naturali protette, tra parchi nazionali e regionali, riserve naturali e aree marine protette ma, nonostante ciò, questo enorme patrimonio è sempre più in pericolo, minacciato dall’inquinamento, dall’abusivismo e dall’incuria e ben poco si fa per tutelarlo e trasformarlo in valore per le comunità che vi risiedono. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Pagina 3 di 8

Visitatori

Oggi 115

Ieri 82

Questa Sett. 115

Questo Mese 2374

Da Sempre 377633

Vai all'inizio della pagina