Ti trovi qui:Portale/Visualizza articoli per tag: Ereticamente

Lo stato con la s minuscola

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/google.jpg

Google ha trovato un accordo con il fisco italiano e pagherà 320 milioni di euro di tasse a fronte di 800 di imponibile. E’ quanto riferisce il Corriere della Sera, secondo il quale la decisione è arrivata al termine di una riunione che ha visto coinvolti penalisti, tributaristi, magistrati e Guardia di Finanza con “la regia legale della professoressa Paola Severino”.
La settimana scorsa un imprenditore di origini francesi, trapianto a Lamezia Terme... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Gli altri barbari

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/barbari.jpg

Mentre li attendevamo, annunciati dai media, con lo sguardo e i radar rivolti verso Sud, i barbari sono scesi dal civilissimo Nord, quello portato ad esempio di civilità, come modello al quale tendere e assomigliare, e sono entrati tranquillamente a Roma, senza alcun preavviso, sotto lo sguardo attonito dei suoi abitanti.
Non abbiamo bisogno di attendere che arrivi l’Isis per imparare a sfogare i nostri istinti più bassi, decenni di trasferte calcistiche hanno dimostrato che i barbari sono già in mezzo a noi. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Vittima, anche degli eventi

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/himmler.jpg

L’Italia, si sa, è il Paese dove lo sport più praticato è quello del giudizio sugli altri, del commento alle azioni altrui anche perchè è maggiore il numero delle persone che parlano e si lamentano rispetto a quelle che agiscono. D’altronde il gran numero di talk show che vanno in onda sulle varie tv locali e nazionali ne è la riprova. In una società siffatta la polemica, lo scandalo, il polverone è sempre dietro l’angolo. E la Calabria non ne è esente.
L’ultimo esempio ci è fornito dalla cronaca recente. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La nostra civiltà contro la loro barbarie

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/barbarie.jpg

Ci caschiamo tutti come degli allocchi. I terroristi contano sulla nostra pubblicità, sanno che se realizzano un video in cui uccidono qualcuno quelle immagini faranno il giro dei media e dei social network. Il primo atto per combattere il terrorismo, dunque, è ignorarlo. A cominciare dalle nostre pagine Facebook.
Al contrario di quanto si pensa anche la lotta al terrorismo (sempre più mediatica) non è compito degli Stati ma di ciascuno di noi. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Fine delle comunicazioni

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/comunicazioni.jpg

Mi dispiace ma non mi unirò al coro degli indignati e dei paladini della libertà di espressione che, in queste ore e nei prossimi giorni, si leverà per ribadire la propria supremazia culturale sul resto del mondo barbaro e incivile. Non prenderò le parti nè dell’una nè dell’altra parte. Renderò noto solamente il mio disgusto per un genere, quello umano, regredito allo stato primitivo, incapace di comunicare e dunque di entrare in relazione.
Di fronte alle scene di guerriglia parigine il mio unico sentimento non è quello dello stupore o dell’indignazione no, c’era solo da aspettarselo prima o poi. Il sentimento che provo è quello della delusione per il genere umano. Il fallimento dell’umanità è ormai sotto gli occhi di tutti.
Non mi sento parte di una civiltà, quella occidentale, incapace di comunicare, di provare sensibilità e rispetto nei confronti di culture diverse dalla propria, così come non mi sento parte di una civiltà, quella mussulmana... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Per fare la rivoluzione basta una rosa

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/benedetto.jpg

Si chiama Rosario Benedetto, ha 31 anni, e dalla provincia di Varese ha deciso di trasferirsi in Calabria esattamente a Roseto Capo Spulico, in provincia di Cosenza, dove vive da un paio d’anni. A far cosa? Vi chiederete voi. A ripiantare le rose a Roseto che, in epoca greco-romana, venivano coltivate e utilizzate per riempire i guanciali delle principesse sibarite.
Chi ha letto “L’uomo che piantava gli alberi”, di Jean Giono, potrà comprendere che si tratta di una storia semplice ma allo stesso tempo capace di propagarsi come le radici di un albero, in questo caso di una rosa. Questo Elzéard Bouffier dei giorni nostri è un rivoluzionario. Mentre la maggior parte dei nostri contemporanei è impegnato a fare a gara a chi fa più rumore, con l’intento dichiarato di fare la rivoluzione, c’è chi la compie quotidianamente in silenzio. Le trasformazioni più efficaci sono quelle che avvengono lentamente e in solitudine, scrive Giono, sono quelle che entrano nell’abitudine senza provocare stupore. E’ l’unico modo per non essere disturbati e proseguire nei propri intenti. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

La revoluzione dei visionari in Aspromonte

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/aspromonte.jpg

Domenica 30 novembre un gruppo di visionari calabresi si è materializzato alle pendici dell’Aspromonte, all’estrema propaggine della regione, per dialogare sensibilmente sulla Calabria e i calabresi. Appassionati, scrittori, agronomi, rappresentanti delle istituzioni, imprenditori, artisti, cittadini. Tutti insieme hanno provato ad immaginare la Calabria che verrà.
L’augurio è che occasioni del genere possano ripetersi con maggiore frequenza. L’augurio è riuscire sempre più frequentemente a spegnere o spengere che dir si voglia la tv (dove si assiste passivamente alla celebrazione del virtuale e all’abbruttimento delle coscienze) per accendere le occasioni di incontro e dialogo (spazi dove costruire e ricostruire la nostra realtà) come quella di domenica. Radunare dei calabresi per parlare di Calabria e per provare ad immaginarla domani non è un’operazione semplice. Non lo è stata fino ad oggi, perchè distratti dal pensiero dominante, perchè la corsa all’accaparramento delle merci ci ha resi più individualisti, perchè circondati... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Beck e la musica che si ascolta suonandola

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/beck.jpg

Per chi ancora crede che il potere di cambiare le cose venga dall’alto e appartenga ad alcune persone deputate (in tutti i sensi) a far si che si possa generare, magari per legge, ecco un’altra storia che dimostra come, al contrario, quasi sempre ciò avviene spontaneamente e “dal basso”. Per cambiare quasi sempre occorre uscire dalla zona di comfort nella quale spesso amiamo rifugiarci. E cosa c’è di più rivoluzionario per un musicista che pubblicare il suo nuovo album solo in cartaceo?
Si chiama Beck, all’anagrafe Beck Hansen, è un musicista e cantante statunitense tra i principali esponenti del genere musicale “indie rock” ma, soprattutto, è un eretico nel suo campo, uno che è già entrato di diritto nella storia della musica nonostante non abbia alle spalle quelle grandi carriere che solitamente sono necessarie per riuscirci. E’ l’autore di un album, Song Reader, uscito nel 2012 che per la prima volta non viene pubblicato da una casa discografica ma da una casa editrice. Si, perché Mr Beck ha preferito lasciare che fosse il pubblico a suonare la musica... [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Tutti assolti, nessuno assolto

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/assolti.jpg

Dopo la sentenza del tribunale di Paola, che ha assolto proprietario e dirigenti dell’azienda Marlane di Praia a Mare dall’accusa di omicidio colposo, lesioni gravissime, omissione dolosa di cautele sul lavoro e disastro ambientale, si grida allo scandalo. Alcuni partiti politici, sindacati e associazioni ambientaliste si dichiarano sgomenti perchè la ricerca dell’ennesimo capro espiatorio non è andata a buon fine.
L’abitudine di noi calabresi è sempre la stessa, quella che da 150 anni a questa parte ci consente di recitare il ruolo di vittime, di ricercare le responsabilità sempre altrove, lontane da noi stessi. Se i proprietari fossero stati condannati molti altri sarebbero stati assolti e ciò che spaventa adesso e che manchi il capro espiatorio su cui riversare tutte le responsabilità di questa vicenda. Quando tutti sono assolti nessuno è assolto. [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Parigi val bene una marcia

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2015/parigi.jpg

Il 27 ottobre del 2005 Muhittin, un diciassettenne originario del Kurdistan, insieme con i suoi due migliori amici, Bouna di quindici anni e Zyaed di diciassette, per sfuggire ad un controllo della polizia francese si nascose in una centrale elettrica. Solo lui riuscì ad uscire vivo da quella centrale, i suoi due amici morirono folgorati. Mentre Muhittin era in ospedale, per venticinque notti, i giovani delle banlieues misero a ferro e fuoco Clichy-Sous-Bois, una zona periferica di Parigi. Fu quell’episodio a scatenare quella che passerà alla storia come la rivolta delle banlieues."

"Clichy-Sous-Bois è a soli 15 km da Parigi ma è come atterrare su un altro pianeta. Qui due persone su tre sono di origine straniera e una su tre è disoccupata … Muhittin abita in uno dei tanti alveari che rendono famose le periferie. Sessanta metri quadri, sette persone: i genitori venuti dal Kurdistan, Muhittin, le tre sorelle e il fratellino … Viviamo come in un ghetto … [...]

Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Pagina 2 di 9

Visitatori

Oggi 1

Ieri 109

Questa Sett. 512

Questo Mese 2211

Da Sempre 354981

Vai all'inizio della pagina