Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Letteratura/Le Vostre Opere/Ottobre in Cecoslovacchia


Ottobre in Cecoslovacchia

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/cecoslovacchia/cecoslovacchia-1.jpg http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/cecoslovacchia/cecoslovacchia-2.jpg

PRAGA – La capitale ceca è la città più bella del globo! Non condivido l'opinione dello scrittore esule Kundera. Altre città - senza scordare Roma alla quale Praga è paragonata - sono considerate tali. Si può concordare che Praga ha un suo particolare fascino. Mi riferisco alla Praha di Mala Strana e dei calli di Kampa, dell'ex ghetto di Josefov e alla piazza dedicata a San Venceslao, divulgatore del cristianesimo, con il monumento eretto in suo onore assurto a dignità storica perché testimone del rogo umano di Jan Palach. 

Vaclavskè Namest, nella Nove Mesto ovvero nella città nuova, evoca in me immagini della tragica estate di molti anni anni fa, allorché centinaia di lavoratori e studenti, dopo il lavoro e lo studio, si concentravano nella namesti - apparentemente inosservati - per poi  defluire lungo le strade laterali dopo aver dato sfogo alla loro rabbia con l’invettiva nazi-nazi-nazi, seguita da fitte sassaiole all'indirizzo dei soldati e dei carri armati del Patto di Varsavia. 

La febbre del sabato sera cresce in occasione della quindicinale distribuzione delle paghe. E’ quella l’ora di sbronzarsi. Per il giorno dopo, resta la coltivazione della terra e altre iniziative tra le quali quella di affittacamere e di operatori turistici, attività favorite dall'inesauribile pressione del forestiero che Vienna, posta a un tiro di schioppo da Bratislava, esercita sulla Slovacchia. Ecco spiegato il dato che vuole la Slovacchia produttrice del trenta per cento del reddito nazionale. 

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/cecoslovacchia/cecoslovacchia-3.jpg http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/cecoslovacchia/cecoslovacchia-4.jpg

Mi auguro valga a qualcosa scrivere una nota in ricordo dello scrittore ebreo Frank Kafka. Nato a Praga nel 1883 e deceduto a Kierling non lontano da Vienna nell'anno 1924. Fu cittadino austro-ungarico, in seguito cecoslovacco. I temi letterari da lui trattati privilegiano contenuti filosofici. Subì una spinta dalla cultura slava e da quella tedesca. Alcuni critici hanno riscontrato nei suoi scritti elementi che inducono a considerarlo uno scrittore esistenzialista, comunque antesignano di tale filosofia. Dimorò nella capitale e s’interessò dei problemi culturali del tempo. Fu attratto dal socialismo e dal darwinismo e frequentò la facoltà di germanismo; in seguito, quella di giurisprudenza. Si laureò nel 1906 ed iniziò a lavorare come impiegato delle Assicurazioni Generali di Trieste. Da allora, fu costretto a scrivere poco non avendo tempo sufficiente a disposizione. Nel 1908 passò all’Istituto Assicurazioni per gli infortuni del regno di Boemia e Praga. Viaggiò in Italia e visitò Brescia, fu a Parigi e in Svizzera. A Praga aderì al gruppo socialista rivoluzionario Club dei giovani e studiò l’ebraico. Nel 1917 lo colse un’emottisi e gli fu diagnosticata una grave forma di tubercolosi polmonare. Da quel momento fu costretto a lunghi soggiorni in sanatorio. 
La tomba di Kafka e dei suoi parenti si trova nel cimitero ebraico della capitale. Fu, secondo molti studiosi, persuasivo rappresentante del realismo magico che mai prescinde dalla realtà. Nei suoi romanzi incombe un’atmosfera d’oppressione accompagnata dalla speranza. 
Libri fondamentali per comprendere la complessità dei suoi scritti fu il Diario Lettere a Milena. Durante la sua vita furono pubblicati La CondannaLa Metamorfosi Nella colonia penale. Altri testi importanti, incompiuti furono Il Processo e Il Castello dati alle stampe dopo la sua morte dall'amico Brod nonostante la volontà testamentaria dell’Autore. Il termine kafkiano sta per allucinante, angosciante, assurdo. Molti critici lo giudicano profeta rappresentante della tragedia ebraica e dell’olocausto. 

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/cecoslovacchia/cecoslovacchia-5.jpg http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/cecoslovacchia/cecoslovacchia-6.jpg

Praha - centro della vita culturale, politica ed economica del Paese - ha industrie chimiche, meccaniche, grafiche, elettrotermiche ed alimentari, del mobile, del vetro e dell’abbigliamento. Può contare su un’Università risalente al 1348. Molti i Musei, le Gallerie d’Arte, i monumenti, le chiese e i teatri tra i quali il NAZIONALE e il TYN. Occupata dalle truppe tedesche nel 1939, divenne attivo centro di resistenza agli invasori. Alla  fine del secondo conflitto mondiale, con l’arrivo dei comunisti, la città (contava un milione e mezzo di abitanti) visse la storica Primavera allorché la popolazione sostenne con entusiasmo e rischi il tentativo riformatore di un gruppo d’illuminati dirigenti politici, ma fu costretta a cedere di fronte ai carri armati del Patto di Varsavia. Con la divisione concordata del Paese nel 1993 divenne Capitale della Repubblica ceca.

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!
Nota: le immagini adoperate nell'articolo sono prese dalla rete, il Copyright copre pertanto unicamente il testo scritto.

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 116

Ieri 107

Questa Sett. 116

Questo Mese 2077

Da Sempre 364613

Vai all'inizio della pagina