Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Letteratura/Le Vostre Opere/Donna Clotilde Racconta.../Donna Clotilde Racconta - Capitolo IX


Donna Clotilde Racconta - Capitolo IX

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/lucia/donna-clotilde.jpg

Il Racconto di Cecè

Testo Originale (con dialoghi in Dialetto Calabrese)

Sento suonare alla porta. Sarà Cecè?  Me l’auguro! Ho il lavandino della cucina che perde da ogni parte, mi aveva promesso che sarebbe venuto stamattina, sono le 17 e ancora non si è visto. 
Apro la porta.
Bbongiorno donna Clotì!!” - E’ lui! Sono salva!!
Cecè mio è da stamattina che vi aspetto!! - mi lamento irritata - non sono riuscita nemmeno a rintracciarvi sul cellulare!
Aviti ragiùna signò… mi scordàvi ppemma l’appìccicu!” si giustifica.
Non entro nei particolari. È scordatello, ma è bravo e mi conviene soprassedere, così... soprassiedo:  oggi come oggi è così difficile trovare un idraulico come si deve!
Va bene… va bene Cecè, lasciamo stare! Andiamo piuttosto in cucina che vi faccio vedere…” e l’accompagno.
Ecco il lavandino! -  glielo mostro - sotto perde da ogni parte!!” mi lamento.
Non v’appricàti donna Clotì… cchì ve l’accònzu èu!!” - e si batte con la mano il petto poi si inginocchia e comincia ad armeggiare sotto il lavandino.
Cecè, volete un caffè?” - Cerco di farmi perdonare.
'On fussèra mala!!” - mi risponde e intanto guarda, tocca, asciuga, apre il rubinetto, lo chiude e…chiacchiera…chiacchiera…
Donna Cotì, l’atru jòrnu 'a zzìa vostra e donna Memè vòzzaro ma l'accumpagnu all’”azzèta! …sò stì tubi cchì sùnnu muntàti màla!!” - Cecè ha trovato il bandolo della matassa, ma la notizia del passaggio all'“AZ”mi incuriosisce e decido di indagare.
Mamma mia! Come al solito la zia ha la macchina e chiede passaggi, ma come  mai?” - chiedo.
Donna Clotì, si vida cchì 'on a conuscìti bbòna 'a zzìa vòstra!!” - e intanto ha già cominciato a smontare alcuni tubi sotto il lavandino - “Iddha si spàgna ppemma parcheggia 'a màchina!” - continua - “Dìcia chi si pìgghia e pànicu,  ccussì  mi chiama 'ma l’accumpàgnu!”.
L’altro giorno l’ha chiesto anche a me, ma ero fortemente influenzata e non ho potuto accompagnarla!”  Mi giustifico e, intanto, chiudo il gas sotto la macchinetta che ha già finito di borbottare.
Donna Clotì, vi sarvastivu!!.. avèrevu 'e vidìra cchi ficiaru tutti dei dui!!
A questo punto la curiosità mi divora.
Che cosa è successo Cecè?” - chiedo versando il caffè nella tazzina, poi... 
Prendete Cecè!” - gliela porgo. Lui si rizza in piedi, poggia piattino e tazzina sul palmo della mano e, girando il suo caffè, comincia a raccontare.
Cominciàu 'u teatrinu quandu èppi 'e fara trasìra inta 'a cincucèntu 'a cugina vostra!!! èppi ma fàzzu assettàra arretu donna Gegè e donna Memè avanti; m’avìti e cridìra, donna Clotì, mancù ddà ‘ncì trasìa!!!” 
Su questo non ho assolutamente dubbi: l’esperienza di quella famosa sera a teatro mi fa ancora rabbrividire!
Eh! Cecè! -  cerco di sminuire - “…cosa vuole…è un po’ in sovrappeso!!
Chìstu 'on fussèra nènta!…e cchi èsta pùru sùrda!!!” e con l’indice indica il suo orecchio, poi beve l’ultimo sorso di caffè.
A questo punto non posso proprio controbattere! E’ vero!
Vi lassu immaginàra cchì passàvi ppemma 'a pozzu fara scindìra da 'a machina!! Ma 'u bellu vìnna ìnta all’azzèta!!!
Cosa… cosa?” - chiedo ansiosa e Cecè, che ha già ripreso il suo lavoro, con la testa sotto il lavandino, continua a raccontare.
Appena trasìmmi a lu supermercàtu, donna Memè dìssa... - si ferma un attimo, poi... - “n'ordinàu , a mmia e alla zzia vostra, ppecchì 'a cugina vostra ordina sempa, ppemma ‘nci truvàmu nu chìlu 'e cipuddi jiànchi e  poi ni lassàu e  s’inda jìu ppè i fatti soi…! èu e donna Gegè i trovàmmi e i mìsimu ìnta 'u carrèllu. Scusati signò...mi passeravu chìdda pinza?” - e mi indica, con una mano libera la sua borsa degli attrezzi. 
E donna Memè?” - chiedo porgendogliela. 
Nà  perdìmmi… e gira 'e ccà … e gira 'e ddà… grassa e sa manèra e nùmma si potta trovara!!!! Chidda pòvera zzia vòsthraa!! Stacia diventàndu paccia!!! ... e 'on 'a pottìmu màncu chiamàraa!! Cà idda è surda còmu 'na campàna!!
...e cchi facistivu?” - mi sono fatta trascinare anch’io dal racconto e sciorino il mio dialetto.
Nènta!! Doppu n’ùra cchi giràvamu... finalmente 'a trovàmmi! ... signò, m’aperìti 'u rubbinèttu 'e l'acqua fridda? ... ccussì vidìmu sì pèrda! -  Gli apro il rubinetto - u vidìti cchì 'on perda cchìù?” - e tocca i tubi mostrandomi la mano asciutta. Mi inchino per controllare, ma vorrei saperne di più su zia e cugina.
… e poi lei cosa ha detto?” - insisto.
Quandu ni vidètta cominciàu ppemma grida "I trovastivu i cipuddi jianchi?" Tutti i gènti cchì si giràvano mà ni guàrdanu!! ... e iddha? ... nènta donna Clotì… né-nta!!” mi scandisce facendo scorrere sotto il mento il dorso della mano, poi si pulisce le mani con uno straccio “… doppu cominciau a zzìa vosthra! iddha vidètta cchì donna Memè tenìa a li mani 'na scàtùla 'e cicculàti… e comincìau pùru iddha: "Làssala!! … u vidi comu ti rinducìsti!!" - ‘ncì dissa” - e Cecè allunga la mano come se avesse Memè davanti.
E poi?” - chiedo - “… e poi?
Mamma mia!!!” - e oscilla il capo affranto - “'on d’avìti l’idea e chìddu cchì ‘ncì nescìu dà vùcca a donna Memè!! èu inta chìddu mumèntu avèra volùtu ppemma scumparìsciu…!!” - e chiude gli occhi scuotendo la testa come per scrollare di dosso anche il ricordo, poi si china a sistemare i suoi attrezzi nella borsa e…
Cinquanta euro, donna Clotì….!! Sì mi pagàti mi 'ndà vàju!!


Nota: Per chi non avesse familiarità con il dialetto calabrese, ecco a seguire la traduzione completa in italiano.



Testo Tradotto (con dialoghi in italiano)

[spoiler title=""]Sento suonare alla porta. Sarà Cecè? Me l’auguro! Ho il lavandino della cucina che perde da ogni parte, mi aveva promesso che sarebbe venuto stamattina, sono le 17 e ancora non si è visto. 
Apro la porta.
Buongiorno donna Clotì!!” - E’ lui! Sono salva!!
Cecè mio è da stamattina che vi aspetto!! - mi lamento irritata - non sono riuscita nemmeno a rintracciarvi sul cellulare!
Avete ragione signora… mi sono scordato di accenderlo!” si giustifica.
Non entro nei particolari. E’ scordatello, ma è bravo e mi conviene soprassedere, così... soprassiedo:  oggi come oggi è così difficile trovare un idraulico come si deve!
Va bene… va bene Cecè, lasciamo stare! Andiamo piuttosto in cucina che vi faccio vedere…” e l’accompagno.
Ecco il lavandino! - glielo mostro - sotto perde da ogni parte!!” - mi lamento.
Non vi preoccupate donna Clotilde… ve l’aggiusto io!” - e si batte con la mano il petto poi si inginocchia e comincia ad armeggiare sotto il lavandino.
Cecè, volete un caffè?” - cerco di farmi perdonare.
Si! grazie!!” mi risponde e intanto guarda, tocca, asciuga, apre il rubinetto, lo chiude e… chiacchiera… chiacchiera…
Donna Cotì, L’altro giorno vostra zia e donna Memè mi hanno chiesto di essere accompagnate al supermercato “AZ”!... questi tubi sono stati montati male!!” - Cecè  ha trovato il bandolo della matassa, ma la notizia del passaggio all'AZ mi incuriosisce e decido di indagare.
Mamma mia! Come al solito la zia ha la macchina e chiede passaggi, ma come  mai?” chiedo
Donna Clotì, si vede che non conoscete bene vostra zia!!” e intanto ha già cominciato a smontare alcuni tubi sotto il lavandino “lei ha paura di parcheggiare con la sua macchina!” - continua – “Dice che le viene il panico così chiama sempre me per essere accompagnata!”  
L’altro giorno l’ha chiesto anche a me, ma ero fortemente influenzata e non ho potuto accompagnarla!” - mi giustifico e, intanto, chiudo il gas sotto la macchinetta che ha già finito di borbottare.
Donna Clotì, vi siete salvata!!!... non avete idea di quello che hanno fatto tutte e due!!” 
A questo punto la curiosità mi divora.
Che cosa è successo Cecè?” chiedo versando il caffè nella tazzina, poi... 
Prendete Cecè!” gliela porgo. Lui si rizza in piedi, poggia piattino e tazzina sul palmo della mano e, girando il suo caffè, comincia a raccontare.
Il “teatrino” è cominciato quando ho dovuto far entrare vostra cugina nella cinquecento!!! Ho dovuto dar sedere donna Gegè dietro e donna Memè avanti! Donna Clotilde, mi dovete credere, non entrava nemmeno là davanti!!!” 
Su questo non ho assolutamente dubbi: l’esperienza di quella famosa sera a teatro mi fa ancora rabbrividire!
Eh! Cecè! - cerco di sminuire - “…cosa vuole… è un po’ in sovrappeso!!
Questo non sarebbe niente!... il fatto è che è anche sorda!!!” - e con l’indice indica il suo orecchio, poi beve l’ultimo sorso di caffè.
A questo punto non posso proprio controbattere! E’ vero!
Vi lascio immaginare cosa ho passato per farla scendere dalla macchina!!! Ma il bello è successo nel supermercato!!” 
Cosa… cosa?” chiedo ansiosa e Cecè, che ha già ripreso il suo lavoro, con la testa sotto il lavandino, continua a raccontare.
Appena siamo entrati nel supermercato donna Memè ci disse…” - si ferma un attimo, poi... – “ci ha ordinato, a me e a vostra zia, perché vostra cugina ordina sempre, di trovarle un chilo di cipolle rosse, poi ci ha lasciati e se ne andata per i fatti suoi…! Io e donna Gegè le abbiamo trovate e le abbiamo messe dentro il carrello... scusate signò... mi passereste quella pinza?” - e mi indica, con una mano libera la sua borsa degli attrezzi. 
E donna Memè?” chiedo porgendogliela. 
Ce la siamo persa… e gira di quà… e gira di là… grassa in quel modo non si è potuta trovare!!! Vostra zia, povera donna, stava diventando pazza!! E non l’abbiamo nemmeno potuta chiamare! ... quella è sorda come una campana!!!” 
...e cosa avete fatto?” - mi sono fatta trascinare anch’io dal racconto e sciorino il mio dialetto.
Niente!! L’abbiamo trovata finalmente dopo aver girato per un’ora! ... signora mi aprireste il rubinetto dell’acqua fredda? ... così vediamo se perde! - Gli apro il rubinetto - “avete visto che non perde più?” - e tocca i tubi mostrandomi la mano asciutta. Mi inchino per controllare, ma vorrei saperne di più su zia e cugina.
… e poi lei cosa ha detto?” - insisto.
Quando ci ha visto ha cominciato a gridare "le avete trovate le cipolle bianche?" tutta la gente che si girava per guardarci!!! ... e lei? ... niente, donna Clotilde… ni-en-te!!!” - mi scandisce facendo scorrere sotto il mento il dorso della mano, poi si pulisce le mani con uno straccio “… dopo ha cominciato vostra zia! Ha visto che vostra cugina teneva in mano una scatola di cioccolatini… e ha cominciato anche lei "lasciala… lo vedi come ti sei ridotta!!" le ha detto” - e Cecè allunga la mano come se avesse Memè davanti.
E poi?” - chiedo - “… e poi?
Mamma mia!!!” - e oscilla il capo affranto - “Non avete idea di quello che è uscito dalla bocca di donna Memè!! in quel momento avrei voluto scomparire…!!” - e chiude gli occhi scuotendo la testa come per scrollare di dosso anche il ricordo, poi si china a sistemare i suoi attrezzi nella borsa e…
Cinquanta euro, donna Clotì….!!  Sì mi pagate me ne vado!!![/spoiler]

Nota: Ogni riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti è puramente casuale. I personaggi e le storie narrate sono frutto della pura immaginazione dell'autrice. Si declina ogni responsabilità.

 

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 97

Ieri 103

Questa Sett. 200

Questo Mese 1723

Da Sempre 373828

Vai all'inizio della pagina