Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Letteratura/Le Vostre Opere/Donna Clotilde Racconta.../Donna Clotilde Racconta - Capitolo XXXVI


Donna Clotilde Racconta - Capitolo XXXVI

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/lucia/donna-clotilde.jpg

Don Vincenzo e Donna Rosina    

Testo Originale (con dialoghi in Dialetto Calabrese)

E’ una fredda sera di Dicembre e i nostri tre vecchietti, sono come al solito, seduti sulla nostra panchina di piazza Prefettura in religioso silenzio.
Don Vincenzo e don Ignazio fumano la solita sigaretta, mentre, Don Mimì, giornale alle mani, è seduto fra i due intento a commentare l’ultimo articolo del giornale sull’illuminazione natalizia ‘de na certa assessora’:
“Lejstivu cchì vvò chista?… ‘a ficiaru accussì bella a stu giru stà luminèra de piazza Prefettura…!!” commenta don Vincenzo.
“Si, u' lejivi!” interviene don Ignazio “para cchì a st’assessora ‘on ‘nci piacianu duva i misaru….”
“… sa luminera… ‘a volia mintuta puru a  la via XX Settembre…” interviene Don Mimì  “…sacciu cchì atru volia…?!”
“Nu saccu ‘e cosi don Mimì… vò ma sapa… “ e don Vincnezo legge ad alta voce “L’importo stanziato… i criteri di individuazione (cchì ‘on sacciu cchì sunnu), quale ditta ha fornito le luminarie, quali criteri…ppecchì l’amministrazione vozza ‘ma i minta duva i misa e ‘on i misa duva dicìa iddha…” 
“Ava ragiuna l’assessora, don Vicè! cchì ava e menu de l’àtri sthrati via XX Settembre ‘omma ‘nci mìntanu ‘a luminèra!!” 

“Mamma don Ignà! quanti cosi vò ‘ma sapa chista ppè ‘na luninèra! mancu si fussera ‘n’interventu a lu cora!!! E’ che i fimmini...”sentenzia don Vincenzo "hannu 'e stara a la casa... 'ma fannu 'a cazetta, ca chisti sunnu cosai de omini!!"
“Don Vicè…” lo interrompe don Ignazio “don Vincè… aviti visiti oja…” e con il mento gli indica  donna Rosina che, dondolante per la mole, avanza minacciosa verso la nostra panchina “’A mugghièra vostra don Vicè!” Don Vincenzo trasale, va ad alzarsi per andarsene, ma viene fermato da don Mimì.
“Cchì faciti don Vincè? Staciti assettatu, cà oramai ‘a mugghièra vostra vi videtta!!”

“Cchì vinna ‘ma fa ccà mugghèremma?” si domanda a denti stretti il nostro amico.
“Cchì fu, don Vicè…” lo stuzzica don Ignazio che ha colto il disagio dell’amico “mò vi spagnati da’ mugghièra vostra?!”
“Donn’Ignà…è inutile cà mi sfuttiti…!”
 risponde fra i denti don Vincenzo.
Intanto donna Rosina è già davanti i nostri amici.
“Bbona sera donna Rosì!” saluta don Ignazio accennando ad alzarsi e sfiorando appena con la mano il cappello.
“…bbona sera…!” gli fa eco don Mimì.
“Bbona sera, bbona sera…!” risponde spicciativa Rosina  “vinni mà parru ccù ‘u maritu meu!!” puntualizza.
I due amici guardano don Vincenzo: è teso e il viso si è sbiancato notevolmente: ha paura di far brutta figura con i suoi amici.
“Rosì, cchì venisti ‘ma fai ccà?”
“Vicè…” comincia lei con tono autoritario “donna Clotilde ava bisognu ‘ma ‘nci porti ‘nu mobileddhu da' soru!”
“Vabbò…’ncì vaju domana, cchì mò haiu cchi fara!!!” taglia corto lui.
“Quala domana e domana!!! donna Clotilde vò ‘ma ‘nciù porti mò…a su mumentu, Vicè!” Don Vincenzo, guarda in tralice i suoi amici: sghignazzano divertiti. Lui è a disagio, ma si fa forza.
“Rosì ti dìssi domana cchì mò haju cchì fara…’nciù poi dira a donna Clotilde!”
“A donna Clotilde ‘on ‘ncì dicu propriu nenta…’nciù fàzzu portara e Cecè… ccussì si pigghja iddhu ‘nu pocu e dìnari…cà ìddhu fatica… ‘on esta comu certi persuni…!” si gira e, senza salutare ritorna da dove è venuta.
Don Vincenzo si siede tranquillo, convinto di aver ormai vinto la sua battaglia, ma…
“Vicè!” si gira improvvisamente la donna “…stasira si voi ‘ma mangi… t’arrangi sulu ccù du ova, cà eu…” si batte forte il petto con la mano callosa e, ad alta voce, “eu stasira… haju cchì fara… eu!!!…” e si gira lasciando don Vincenzo con l’amaro in bocca.


Nota: Per chi non avesse familiarità con il dialetto calabrese, ecco a seguire la traduzione completa in italiano. 



Testo Tradotto (con dialoghi in italiano)

[spoiler title=""]E’ una fredda sera di Dicembre e i nostri tre vecchietti, sono come al solito, seduti sulla nostra panchina di piazza Prefettura in religioso silenzio.
Don Vincenzo e don Ignazio fumano la solita sigaretta, mentre, Don Mimì, giornale alle mani, è seduto fra i due intento a commentare l’ultimo articolo del giornale sull’illuminazione natalizia ‘de na certa assessora’:
“Avete letto cosa vuole questa qui?… l'hanno fatta così bella questa volta questa illuminazione di Piazza Prefettura…!!” commenta don Vincenzo.
“Si, l'ho letto !” interviene don Ignazio “sembra a questa 'assessora' non siano piaciute come sono state messe….”
“… questa illuminazione… voleva che la mettessero anche a via XX Settembre…” interviene Don Mimì  “… non so che altro volesse…?!”
"Un sacco di cose, don Mimì…  vuole sapere… “ e don Vincnezo legge ad alta voce “L’importo stanziato… i criteri di individuazione (che non so che cosa siano), quale ditta ha fornito le luminarie, quali criteri… perchè l'amministrazione ha voluto metterla dove l'ha messa e non l'ha messa dove voleva lei…” 
“Ha ragione l’assessora, don Vicè! che cosa ha meno delle altre strade via XX Settembre perchè non abbinao voluto mettere l'illuminazione!!” 

“Mamma don Ignà! quante cose vuole sapere per una semplice illuminazione! nemmeno se fosse stato un intervento al cuore!!! E’ che le donne...” sentenzia don Vincenzo "devono stare a casa... a fare la calza, perchè queste, sono cose da uomini!!"
“Don Vicè…” lo interrompe don Ignazio “don Vincè… oggi avete visite…” e con il mento gli indica  donna Rosina che, dondolante per la mole, avanza minacciosa verso la nostra panchina “Vostra moglie don Vicè!” Don Vincenzo trasale, va ad alzarsi per andarsene, ma viene fermato da don Mimì.
“Cosa fate don Vincè? State seduto, che ormai vostra moglie vi ha visto!!”

“Che cosa è venuta a fare qui mia moglie?” si domanda a denti stretti il nostro amico.
“Che c'è, don Vicè…” lo stuzzica don Ignazio che ha colto il disagio dell’amico “adesso avete paura di vostra moglie?!”
“Donn’Ignà…è inutile che mi prendete in giro…!”
 risponde fra i denti don Vincenzo.
Intanto donna Rosina è già davanti i nostri amici.
“Buona sera donna Rosì!” saluta don Ignazio accennando ad alzarsi e sfiorando appena con la mano il cappello.
“…buona sera…!” gli fa eco don Mimì.
“Buona sera, buona sera…!” risponde spicciativa Rosina  “sono venuta perchè volglio parlare con mio marito!!” puntualizza.
I due amici guardano don Vincenzo: è teso e il viso si è sbiancato notevolmente: ha paura di far brutta figura con i suoi amici.
“Rosì, che cosa sei venuta a fare qui?”
“Vicè…” comincia lei con tono autoritario “donna Clotilde ha bisogno che tu gli porti un mobiletto a casa della sorella!”
“Va bene… ci vado domani, perchè adesso ho da fare!!!” taglia corto lui.
“Che domani e domani!!! donna Clotilde il mobiletto lo vuole portato adesso dalla sorella... in questo momento!! Don Vincenzo, guarda in tralice i suoi amici: sghignazzano divertiti. Lui è a disagio, ma si fa forza.
“Rosì ti ho detto domani perchè adesso ho da fare... glielo puoi dire a donna Clotilde!”
“A donna Clotilde non le dico niente... mando Cecè... così guadagna un po' di soldi lui... perchè lui lavora... non è come certe persone...!” si gira e, senza salutare ritorna da dove è venuta.
Don Vincenzo si siede tranquillo, convinto di aver ormai vinto la sua battaglia, ma…
“Vicè!” si gira improvvisamente la donna “… stasera, se vuoi mangiare... arrangiati solo con due uova, perchè, io...” si batte forte il petto con la mano callosa e, ad alta voce, “io, stasera... ho da fare... io!!!…” e si gira lasciando don Vincenzo con l’amaro in bocca.[/spoiler]

Nota: Ogni riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti è puramente casuale. I personaggi e le storie narrate sono frutto della pura immaginazione dell'autrice. Si declina ogni responsabilità.

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 101

Ieri 96

Questa Sett. 660

Questo Mese 2392

Da Sempre 371443

Vai all'inizio della pagina