Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Letteratura/Le Vostre Opere/Donna Clotilde Racconta.../Donna Clotilde Racconta - Capitolo XIX


Donna Clotilde Racconta - Capitolo XIX

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/lucia/donna-clotilde.jpg

Don Tommaso e il Cliente Insolvente

Testo Originale (con dialoghi in Dialetto Calabrese)

E’ quasi mezzogiorno e Tommaso... è fermo con la sua tuta d’officina e la sigaretta accesa sotto i baffi davanti la chiesa dell’Immacolata. Aspetta qualcuno.
Ma ecco che i nostri tre vecchietti, seduti sulla solita panchina dei giardinetti, attenti sempre a tutto, lo scorgono.
“Cu sapa a cu aspetta don Tommasinu?” si chiede don Vincenzino incuriosito.
“’U sapimu subbitu…ca cchì ‘nci vò…!!” e don Ignazio si gira verso il nostro nuovo amico e...“Don Tommà…!” lo chiama “bbongiorno!!”
“Bbongiorno a tutti!” saluta don Tommaso avvicinandosi ai nostri curiosi personaggi.
“Salutamu don Tummà!” risponde prontamente don Vincenzino.
“Salutamu…!” gli fa eco don Mimì.
“…comu mai ‘e si parti, don Tommà?” chiede don Ignazio senza perdere tempo.
“Vinni ‘ma vijiu nu clienta meu cchì è na vita cchì ‘on mi paga! Mi dezza appuntamentu ccà!!..e vui? Com’è cchì siti ccà?... venistivu ‘ma vi pigghjàti nu pocu ‘e friscu?”
“No! Vegnu ogni jiornu ccà…! Mò cchì sugnu pensionatu e ‘a mugghjèra mia moriu…cchì haju ‘e fara a la casa, sulu…!?” si giustifica don Ignazio.
“Aviti ragiuna!! Ma siti bellu luntanu da ‘a casa vostra! Comu vinda tornati mò? Si voliti v’accumpagnu eu, ‘u tempu ‘ma sistemu sta questione…!” si offre don Tommaso.
“Grazzi…ma ‘on v’appricati don Tommà, cchì haju appuntamentu ccù ‘a figghjia mia, cchì è professoressa a lu liceu Galluppi…mi dissa ‘ma mi fazzu trovara davanti a li posti ppè l’undici e mmenza!”
Intanto don Tommaso continua a guardarsi in giro sempre più agitato.
Don Vincenzo se ne accorge e, come suo solito, interviene inopportuno.
“’On vena ‘u clienta vostru, don Tommà!!...’on vena!!! Vu dicu eu...! ppè mmia perdistivu i dinari!!!”
“Comu si vida cchi ‘on mi canusciti…don Vicè!!” risponde il nostro amico e socchiude un occhio tentennando il capo.
“Cu esta stu clienta vostru?!” insiste don Vincenzimo.
“Noo! ‘on ‘u potiti canuscìra! È nu napulitanu! …eu ‘on da pozzu cchiù ‘e si genti!!!” si lamenta don Tommaso “Mi dissa cchi si chiama Gennarino Cirillo! E’ nu paru ‘e voti cchi vena a l’officina! Sapiti comu fa?” e intanto si guarda in giro sperando che il suo cliente arrivi “Lassa ‘a machina a li guagliuni e ‘nci dicia cà a la machina và fattu chistu e chiddhu e ‘ma signanu tuttu, cchì poi…! Eu poi l’haju ancora e vidira don Vicè!!! Fin’a mmò ‘on videtti na lira cchì esta na lira!!” e intanto continua a guardarsi attorno sperando ancora di vederlo arrivare.
“…e vui ‘nci criditi daveru cchì chistu vena all’appuntamentu ‘ma vi paga?” questa volta è don Ignazio che parla    
“’I perdistivu ‘i dinari, ava ragiuna don Vicenzinu!” e i due amici, seduti accanto a lui sulla panchina, con la testa, approvano all’unisono.
“E no, don Ignà!! …stu figghjiu ‘e puttana, scusati a licenza, sta vota ‘u futtu eu…!!!”
“E comu don Tommà?” chiede don Mimì “Si staciti ancora ccà ‘ma l’aspettati!!”
“Si! Ma eu haju ‘a machina sua…è puru nova! Si vò ‘ma s’a pigghja ava ‘ma vena a l’officina e…’ma paga!!!” e struscia il pollice e l’indice.
“…e si ‘on vena ‘ma s’a pigghja?” azzarda non Vincenzino “cchì faciti?...’on v’a potiti vindira!!”
“Aviti ragiuna don Vicè, ma…’nci pozzu girara quantu vogghju, pozzu passara ccu ‘u russu, pozzu ghjira contromano…pozzu ‘nfrangira tutti ‘i reguli dò mundu…! poi vogghjiu vidira comu s’a sbrogghjia l’amicu!!”
“Maamma…don Tommaà!!” interviene pietoso don Ignazio “ ccù sa legge nova cchì nesciu mò ‘nci caccianu nu saccu ‘e punti ‘a su pover’omu!!”
“Su pover’omu!!!” don Ignà!!! ‘on vi facia tantu tennaru!! ‘on v’appricati cchi ssi vena a l’officina i punti…‘nci fazzu mintira eu a iddhu…!”


Nota: Per chi non avesse familiarità con il dialetto calabrese, ecco a seguire la traduzione completa in italiano.



Testo Tradotto (con dialoghi in italiano)

[spoiler title=""]E’ quasi mezzogiorno e Tommaso... è fermo con la sua tuta d’officina e la sigaretta accesa sotto i baffi davanti la chiesa dell’Immacolata. Aspetta qualcuno.
Ma ecco che i nostri tre vecchietti, seduti sulla solita panchina dei giardinetti, attenti sempre a tutto, lo scorgono.
“Chi sa chi sta aspettando don Tommaso?” si chiede don Vincenzino incuriosito.
“Lo sapremo subito…e che ci vuole…!” e don Ignazio si gira verso in nostro nuovo amico e... “Don Tommaso…!” lo chiama “buongiorno!!”
“Buongiorno a tutti!” saluta don Tommaso avvicinandosi ai nostri curiosi personaggi.
“Salutiamo don Tummà!” risponde prontamente don Vincenzino.
“Salutiamo…!” gli fa eco don Mimì.
“…come mai da queste parti, don Tommà?” chiede don Ignazio senza perdere tempo.
“Sono venuto a parlare con un mio cliente che non mi paga da molto tempo! Mi ha dato appuntamento qui!!...e voi? Com’è che siete qua? Siete venuto a prendere un po’ di fresco?” 
“No! Vengo qui ogni giorno…! Adesso che sono pensionato e mia moglie è morta…che cosa devo fare a casa da solo…!?” si giustifica don Ignazio.
“Avete ragione!! Ma siete molto lontano da casa vostra! Come tornate  adesso? Se volete io vi posso accompagnare, datemi il tempo di sistemare questa faccenda..!” si offre don Tommaso.
“Grazie…ma non vi preoccupate don Tommaso, perché ho appuntamento con mia figlia, che è professoressa al liceo Galuppi…mi ha detto di aspettarla davanti alle poste per le 11:30!” 
Intanto don Tommaso continua a guardarsi in giro sempre più agitato.
Don Vincenzo se ne accorge e, come suo solito, interviene inopportuno.
“Il cliente vostro non viene, don Tommaso!!... ve lo dico io…! Per me avete perso tutti i soldi!” 
“Si vede che non mi conoscete…don Vincenzo!!” risponde il nostro amico e socchiude un occhio tentennando il capo.
“Chi è questo vostro cliente?” insiste don Vincenzino.
“Noo! ‘non lo potete conoscere! È un napoletano!... io non ne posso più di questa gente!!” si lamenta don Tommaso “Mi ha detto che si chiama Gennarino Cirillo! È venuto un paio di volte che viene all’officina mia! Volete sapere come fa?” e intanto si guarda in giro sperando che arrivi il suo cliente “Lascia la macchina ai ragazzi e gli dice cosa devono fare alla macchia e di segnare l’importo, che poi passa lui a pagare! Io poi lo devo ancora vedere, don Vincenzo…! Fin’ora non ho visto nemmeno una lira!!” e intanto continua a guardarsi attorno sperando ancora di vederlo arrivare.
“…e voi credete davvero che questo viene all’appuntamento per pagarvi?” questa volta è don Ignazio che parla “’Li avete persi i soldi, ha ragione don Vincenzino!” e i due amici, seduti accanto a lui sulla panchina, con la testa, approvano all’unisono.
“E no, don Ignà!! …questo figlio di puttana, scusate la libertà, questa volta lo frego io…!!” 
“E come don Tommà?” chiede don Mimì “Se state ancora qui ad aspettarlo…!!” 
“Si! Ma io ho la sua macchina…è anche nuova! Se se la vuole prendere, deve venire in officina e… pagare!!” e struscia il pollice e l’indice.
“…e se non viene a prendersela?” azzarda non Vincenzino “che fate?”…la macchina non ve la potete vendere!!” 
“Avete ragione don Vincenzo, ma ci posso girare quanto voglio: posso passare con il rosso, posso andare contromano…posso infrangere tutte le regole del mondo…! Poi voglio vedere come se la sbroglia l’amico!!” 
“Mammaaa…don Tommà!” interviene pietoso don Ignazio “con questa legge nuova gli levano un sacco di punti a questo pover’uomo!!” 
“Questo pover’uomo!!!” non vi facevo tanto tenero!! Ma non vi preoccupate, che se viene in officina, i punti…glieli faccio mettere io a lui!!!”[/spoiler]

Nota: Ogni riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti è puramente casuale. I personaggi e le storie narrate sono frutto della pura immaginazione dell'autrice. Si declina ogni responsabilità.

 

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 21

Ieri 99

Questa Sett. 21

Questo Mese 4178

Da Sempre 383117

Vai all'inizio della pagina