Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Letteratura/Libri/E così vorresti fare lo scrittore


E così vorresti fare lo scrittore

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/2015/libri/cosi-vorresti-fare-scrittore.jpg

Voglio spezzare una lancia a favore degli scrittori italiani. Benché negli ultimi anni si sia assistito a un'invasione sempre piú selvaggia di best-sellers internazionali, gli scrittori italiani continuano a scrivere e lo fanno bene. Argomenti piú o meno ricercati, in un mondo inflazionato di romanzi alla Dan Brown, e una prosa sempre su alti livelli, che strizza l'occhio alla nostra tradizione - siamo o non siamo la patria di DantePetrarcaMontale? - sempre piú estranea alle dinamiche commerciali che caratterizzano la scrittura dell'Europa che "conta" e degli scrittori seriali americani. 
Culicchia si inserisce in questo quadro, semplice e complesso allo stesso tempo, espressione di una lotta feroce fra principi letterari e regole commerciali ciniche e spietate.

Ho letto questo libro piú che altro per curiositá. La quarta di copertina, ricca solo di opinioni più o meno autorevoli, mi ha permesso di glissare sull'anonima copertina, Editori Laterza, che evoca qualcosa, ma non ho ben chiaro cosa c'entri con lo scrivere :boh . 

E così vorresti fare lo scrittore.
Non parlo di un manuale di scrittura, men che meno "creativa". Mi riferisco piuttosto a un saggio, forse un diario, di piú un affresco della realtá letteraria contemporanea. Culicchia , a metá fra il "solito stronzo" e il "venerando maestro" (Culicchia chi??? vi sento giá dire), racconta l'esperienza di essere autore, con i suoi alti e bassi, le delusioni e gioie, in un viaggio ironico e in parte forse autocelebrativo. 
Ho riso molto, ho avuto modo di pensare, ho conosciuto un mondo sotto i miei occhi ma per nulla familiare. Con gag tra il reale e l'esasperato, le pagine scorrono arzille, guidando il lettore in un percorso critico affascinante e coinvolgente.

Non vi aspettate un libro "pesante", lo dico senza mezzi termini o con giri di parole. È un'opera veloce, scorrevole, che non richiede particolari attenzioni.



Ecco la descrizione presente sul sito di ibs:

"Tu che stai leggendo queste mie righe sappi che nel presente libro userò la parola 'scrittore', almeno quando riferita a me, per pura e semplice convenzione, perché si sa che l'Italia pullula di scrittori, e chiunque abbia pubblicato non dico un romanzo o un racconto ma giusto una raccolta di poesie o anche solo una singola poesia si ritiene automaticamente tale. Anzi, di più: perché tra le Alpi e il Lilibeo esistono innumerevoli scrittori convinti di essere tali benché siano inediti, e questo nonostante da alcuni lustri si pubblichi ormai praticamente tutto." Questo libro è destinato a un pubblico potenzialmente molto vasto, visto che - com'è noto - in Italia sono più quelli che scrivono che quelli che leggono. Attenzione, però, non si tratta di un manuale di scrittura. No: "E così vorresti fare lo scrittore" è una sorta di guida a cosa gira intorno al mestiere di scrivere, passando per tutte le tappe che costellano la nascita e poi il consolidamento di uno scrittore: dalla correzione delle bozze al rapporto con l'ufficio stampa, dalla realizzazione della copertina alla costruzione del caso letterario, dalla prima presentazione in pubblico al dorato mondo delle Lettere italiane. Può darsi che ti possa tornare utile il giorno in cui sarai tentato/a di dire, alla tua prima intervista, che l'ispirazione ti arriva direttamente dal Cielo. Perché c'è chi lo dice, e con l'aria di crederci sul serio.


L'idea alla base è semplice. Uno scrittore passa tre fasi nella sua vita "professionale". Si va da "brillante promessa", all'esordio, a "solito stronzo", nei romanzi successivi, finendo con un "venerando maestro", quando oramai si vive sugli allori di non si capisce ancora cosa.
Lo scrittore insegue un sogno lungo e impegnativo, spesso costellato di insuccessi e umiliazioni. Culicchia  lo sa, e in parte usa questo stesso libro per togliersi qualche "sassolino dalla scarpa". Ci riesce in parte, mostrando un mondo meschino e quasi cabarettistico, ma palesando, suo malgrado, un grande, grandissimo amore per la sua arte e per ciò che la circonda. 
Fa piacere leggere storie vissute, benché esasperate. Fa piacere entrare nella mente di uno scrittore italiano, e non lo avrei mai detto. 

Non voglio parlarne ancora, non serve. Ma comprate il libro di Culicchia . Fatelo perché cosí facendo aiuterete gli scrittori italiani; fatelo perché Culicchia lo merita; ma fatelo, ancora di piú, per voi, perché leggere queste pagine vi farà acquistare consapevolezza della difficile strada che le parole percorrono da quando escono dalla mente dell'autore a quando prendete in mano il libro di un Culicchia a caso, chiedendovi "Culicchia chi?".

Buona lettura.

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!
Nota: le immagini adoperate nell'articolo sono prese dalla rete, il Copyright copre pertanto unicamente il testo scritto.  

Altro in questa categoria:

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 38

Ieri 175

Questa Sett. 468

Questo Mese 2261

Da Sempre 347491

Vai all'inizio della pagina