Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Letteratura/Libri/Breve storia di (quasi) tutto


Breve storia di (quasi) tutto

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/2014/breve-storia.jpg

Non ricordo quando ho iniziato a leggere. Potevo avere dieci anni, forse di meno. Ricordo però il mio primo libro. Era un romanzo fantasy per ragazzi intitolato Le Avventure di Jim Bottone, scritto da quel Michael Ende reso celebre da La Storia Infinita, opera da cui hanno tratto l'omonima saga cinematografica. 
A quei tempi, durante le ricorrenze passate in famiglia, il fratello di mia madre era solito sdraiarsi con noi nipoti sul terrazzo di casa, per leggere ad alta voce alcune fra le più belle fiabe che un bambino potrà mai ascoltare. Un ricordo indelebile questo, caratterizzato dai forti affetti infantili e da una fervida immaginazione, aiutata da un bellissimo e buio cielo ricco di stelle. Preso da quella che pareva - a quei tempi - una vera e propria ossessione, mio zio non perdeva occasione per portarmi in quel posto pieno di libri che gli adulti chiamano libreria, ma che agli occhi di un bambino pare solo un posto estremamente noioso, addormentato in universo senza tempo. E là che ho sentito per la prima volta parlare di romanzi, di racconti, di fiabe... e di viaggi. Così mi venivano descritti alcuni fra i capolavori del passato e del presente. Semplici viaggi. 

In questo libro tu non hai idea di cosa può succedere Marco. C'è un ragazzo della tua età che vive mille avventure. Posti meravigliosi, strani amici, un gruppo di pirati: tutte cose che non vedrai mai, ma che questo scrittore riesce a descrivere così bene che ti sembrerà di essere lì.

       Mio zio...         

Non ho memoria di cosa davvero mi disse, ma questo breve virgolettato racchiude il significato e tutta l'enfasi di quelle parole. Potevo aprire un libro, in una cameretta, e vivere la vita di mille altri uomini, in mille altri posti, con mille sconosciuti amici. Siccome basta poco a far sognare un bambino, l'entusiasmo contagioso di mio zio bastò a farmi volare fra le nuvole. Il suo regalo, quel bellissimo romanzo, è ancora custodito gelosamente - insieme al suo seguito, La terribile banda dei tredici pirati - nel mio comodino.

Sono passati molti anni. Da allora io sono cambiato, e con me il mio modo di guardare alla lettura. I libri sono diventati imprescindibili casseforti ricche di informazioni utilissime nel lavoro come nella vita di tutti i giorni. Così li vedo da anni, così ho imparato a conoscerli col tempo, dimenticando, a spazzi, le vere e profonde emozioni di quel bambino. 
Poi, un paio di mesi fa, entrando in una delle tante librerie che oramai spopolano nei centri commerciali, ho incrociato per caso un volume economico, con una copertina colorata di celestino e con un titolo molto accattivante che recitava Bill BrysonBreve storia di (quasi) tutto.
Una breve storia, un racconto, di tutto, o meglio, quasi tutto. 

       

Mi trovavo in un settore dedicato alle scienze, dove fisica, chimica ed astronomia facevano da padrone. Avevo un libro fra le mani che pareva schernire tutti gli altri. Formule? Teoremi? Teorie sulla rifrazione della luce? Cose troppo complicate, Bill Bryson prometteva di parlare di (quasi) tutto, e di farlo in breve ed in un'unica opera. Incuriosito ma per nulla fiducioso (a tratti ero già convinto di aver buttato i miei soldi), mi recavo in cassa, pronto a portare a casa l'ennesimo volume (quasi) inutile. Ma mai valutazione fu tanto frettolosa e sbagliata: avevo appena comprato uno di quei libri che "ti cambiano la vita".
Con una semplicità espositiva sconcertante, che ricorda tanto la semplicità narrativa di Stephen King quanto il colloquiale e tipico giornalista sportivo americano, Bryson ci porta in punta di piedi in un viaggio alla scoperta dell'astronomia, della fisica, della chimica, della geologia, passando per la paleontologia. Non parliamo di un comune manuale, così come non parliamo di un complesso manoscritto destinato a poche menti elette. Trattasi piuttosto di una fiaba, e niente più, alla scoperta di ciò che ci circonda, accompagnati da amici illustri e da una voce narrante molto persuasiva e ammaliante. 

Ritorniamo ora per un attimo a quel bambino, quello che apriva gli occhi su di un mondo nuovo e ricco di possibilità. Quel bambino oramai è perduto nelle pagine del tempo. I tredici terribili pirati non torneranno ad angustiarlo mai più. C'è l'uomo ora. Quello che non si lascia facilmente entusiasmare da un'avventura e che da un romanzo si aspetta ben altro che puro intrattenimento. Un uomo che però, ho scoperto da poco, può restare immobile a fissare la copertina di un libro chiedendosi, a più riprese e dopo tanti anni, come sia possibile restare così stupiti da un'opera, per quanto essa sia originale e intelligente, semplice e curata nei dettagli, insieme magica e scientifica. Non ho trovato risposte a questo interrogativo, ma ancora mi tornano in mente le parole di mio zio. "In questo libro tu non hai idea di cosa può succedere Marco..."
Le infinite possibilità ritornano.

Prima di scrivere queste (poche) parole mi sono imposto di non parlarvi del libro. Non amo le recensioni così accurate. Trovo che facciano perdere quel pizzico di mistero tanto utile a chi si accinge a leggere qualcosa. Dovete solo fidarvi di me e delle poche linee guida che vi sto per tracciare.
Breve storia di (quasi) tutto non è un romanzo, ma un viaggio fra le scienze, la storia e gli uomini. Non è per bambini e non è per puro intrattenimento. É adatto agli studenti delle superiori e/o universitari, alle persone che amano la cultura e le scienze, a chi vuole imparare qualcosa del vasto universo che ci circonda. È un nuovo punto di vista, che vi permetterà anche di ampliare le vostre conoscenze in materie che altrimenti non avrete mai modo di conoscere, cercando di darvi una visione unitaria delle cose e degli uomini.

Un libro eccezionalmente piacevole.

       The Times    

La prossima volta che entrate in una libreria, provate a chiedere del libro di Bryson. Chissà che anche voi non ritorniate bambini, almeno per un po'. ;)

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 113

Ieri 96

Questa Sett. 113

Questo Mese 2193

Da Sempre 361338

Vai all'inizio della pagina