Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Un po' di tutto/Ereticamente.it/Ereticamente.it
Ereticamente.it

Nando Giardini

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Capitolo Ventiseiesimo

 http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-26.jpg http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-26_1.jpg

Gli amici di Procida - l'isola dei limoni - sapevano di noi, spesso informati da Roberto Salvatore Trovato. 
Invidiavo quanti svernavano nel penitenziario borbonico isolano dal quale si potevano ammirare i faraglioni di roccia lavica e le spiagge di sabbia fine e scura; gli archi di tufo e il porto di Marina Grande, le finestre multicolori delle abitazioni e i tramonti di fuoco; le notti stellate e le onde di marea. Godere dell’aria salubre quanto quella respirata da noi lucani. Ascoltare la voce della risacca e seguire le lezioni di lingua russa impartite da Pignatelli. 
Bearsi di Capo Miseno e rispolverare il sommo Orazio... [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Capitolo Venticinquesimo 

 http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-25_2.jpg

Neanche in piena estate. Nove gli ambienti destinati ai detenuti mentre un terrapieno sovrastava l’intera area dei passeggi. 

Vidi due gatti e gli spostamenti affatto lenti d’una piccola tartaruga, il volo semicircolare dei colombi. 
Il cubicolo a ridosso del muro di cinta era destinato al diporto femminile, dei soggetti pericolosi e dei sorvegliati speciali. Scontato il divieto ai reclusi ordinari d’aver contatti con noi politici. Di reclusi, infatti, non ne incontrammo mai, neanche intravisti, durante i dieci lunghi mesi trascorsi a Melfi. Tranne che nell'unico intermezzo ricreativo di cui beneficiammo. Seguì, sorprendente, la decisione del Comandante e undici coperte di tipo militare furono sistemate a cavallo della corda allungata fra le estremità del portico. [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Capitolo Ventiquattresimo 

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-24.jpg

Mi tornava spesso in mente un episodio. Da ragazzo, con poca confidenza con l’acqua del fiume, ero sul punto di annegare. L'amico che si trovava in mia compagnia, accortosi del pericolo che correvo, scese subito in acqua con intenzione di aiutarmi. La corrente ci trascinò ambedue per alcuni metri. Ripercorsi, in quegli istanti, intero il mio passato in una rapida carrellata di ricordi immagini e sensazioni. A tutto riandai meno che a Dio. Alcuni passanti intervennero porgendoci delle canne - che abbondavano in quel sito - e ci trassero a riva. Dubitai, la mia fede vacillò. Oggi so per certo che ad aiutarmi è stato il buon Dio. Tornerà a soccorrermi? [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Capitolo Ventitreesimo

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-23.jpg

La notte predisponeva ai sogni e alle introspezioni, spesso inutili e disarmanti. Il desiderio, intanto, mi creava intorno cento harem senza confini. Oltre al bugliolo, alla brocca, al libro tascabile, alle scarpe prive di stringhe, non disponevo d'altro. La realtà è, infatti, rappresentata dalle sollecitazioni che si ricevono da ciò che è possibile guardare e toccare. In altri termini, gli uomini vivono delle cose e le cose degli uomini. 
Avvertivo intenso il palpito della vita ed evadevo quando il sangue ribolliva in me; affiorava lo sconforto per non aver fatto strame dei residui legami con il mondo mentre il passato si proponeva con immagini e storie che occupavano tutti gli spazi liberi dell'io solitario. [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Capitolo Ventiduesimo 

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/nando/stagione-ira/cap-22.jpg

Non eravamo soltanto noi a fare le spese del bifronte rigore della legge. Al Forte San Giovanni giunsero molti utenti con pesanti accuse di cui rispondere. 
Mi riferisco a quanti avevano tentato di realizzare la repubblica rossa di Caulonia nel corso dell'insurrezione capeggiata dal maestro Pasquale Cavallaro. Trecento i fermati tra i quali il Cavallaro e i suoi figli. L’ambizione degli insorti era di concretare, estendendolo a tutto il Mezzogiorno, un Ente di giustezza e parità escludendo ogni particolarismo e favoritismo. 
A tali obiettivi avrebbe dovuto uniformarsi il Tribunale del Popolo insediato nell'ingresso del Municipio lo stesso giorno dell'occupazione. 
La fame di terra, il bisogno di non dipendere mai più dall'odiato padrone e lavorare la zolla in proprio fu il motivo ispiratore della rivolta che seguì nella cittadina ionica. [...]

Per leggere l'intero articolo o commentare, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Pagina 8 di 21

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 38

Ieri 175

Questa Sett. 468

Questo Mese 2261

Da Sempre 347491

Vai all'inizio della pagina