Ti trovi qui:Portale/Letteratura/Libri/Infernati


Infernati

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/2015/libri/infernati.jpg

Lui, fin troppo modesto, non ne parlerà mai. Così, ora che è passato del tempo, ho deciso di farlo io, alla nostra solita maniera. 
Con un ritardo importante ma necessario a garantire imparzialità, ci stiamo per occupare di una raccolta di racconti horror, frutto del lavoro di un talentuoso ragazzo italiano, ben noto a chi legge le pagine del nostro sito. 
Si tratta di Infernati, il libro esordio del Pasquale Chirchiglia scrittore, disponibile in tutte le librerie fisiche e online

Recensione

Abbandonate le pagine web, Chirchiglia affronta di petto il mondo della carta stampata. Lo fa a modo suo, senza timori reverenziali e senza scomporsi più di tanto. Nasce un volume nuovo, a tratti sperimentale, che si bagna orgogliosamente in quel genere disprezzato dagli italiani e venerato oltre oceano. Con lo sguardo rivolto a Stephen King, ma senza alcun tipo di velleità emulativa,Pasquale affronta l'horror con la mente libera da emozioni empatiche, palesando un cruento cinismo nei confronti dei suoi personaggi e dello stesso lettore, che si ritrova stupito e spaesato fin dalle prime pagine.I contenuti sono forti e slegati da qualsivoglia morale laica o religiosa. Ambienti duri, anime disperse in un limbo privo di pietà e, più spesso, di significato. Ma il significato c'è, e si nasconde fra le parole, nei gesti, in questo mondo visionario e spaventosamente orchestrato.Nulla è lasciato al caso. Si susseguono le pagine ed il modo di scrivere, sempre fedele a se stesso, si adatta alla situazione, alla storia e, ancor di più, al momento. 
Lo scrittore racconta ma prova insieme emozioni, celate fra le righe, parola dopo parola. Nasce così un linguaggio tagliente, diretto, terribilmente impersonale. 
Chirchiglia sembra odiare ciò che scrive e guarda con sdegno ogni situazione, ogni rapporto antropico, finanche ogni anima frutto della sua mente. Ma si sa, la barriera fra odio e amore spesso è un flebile velo di ipocrisia, su cui Pasquale gioca, portandoci a spasso nei meandri dell'uomo, alla ricerca di della vera essenza del male.  

C'è un luogo oscuro che dimora nell'apparente anonimato di volti, anime, situazioni che prendono forma in questi racconti. Nelle trame di esistenze tenute insieme da un fragile equilibrio, dove tutto ciò che appare è ingannevole, la caduta è solo un piccolo passo. E quando la discesa inizia, quello che accade nell'abisso non è mai nulla di buono.


 

Chi leggerà questo libro si troverà davanti a qualcosa di diverso. Infernati non è una raccolta di storielle da brivido; non è un libro per chi è in cerca di facili emozioni; non è neanche un libro per ragazzi. Siamo in un universo diverso, più di riflessione, dove la narrativa di genere tocca corde di particolare impegno morale. È un libro per lettori, di quelli veri.
Se pensate di essere appassionati del genere, non avete preconcetti e siete aperti alle novità, non potete farvi sfuggire questo volume che raccoglie quanto di meglio può offrire il mercato italiano. Non riesco a dare un voto a quest'opera, sono troppo legato a chi scrive per farlo in maniera oggettiva. Pertanto non mi resta che concludere qui, salutando quello che considero uno dei miei più cari amici, nella speranza che le mie parole gli siano di conforto in attesa dei giusti riconoscimenti al suo lavoro.

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!
Nota: le immagini adoperate nell'articolo sono prese dalla rete, il Copyright copre pertanto unicamente il testo scritto.  

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 40

Ieri 82

Questa Sett. 40

Questo Mese 2299

Da Sempre 377558

Vai all'inizio della pagina