Ti trovi qui:Portale/Un Po’ di Tutto/Ereticamente.it/Panico paura


Panico paura

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/ereticamente/2/panico-paura.jpg

Ieri sono stato contattato da un noto istituto di ricerca italiano per un sondaggio telefonico. La signorina, molto gentile, mi chiede se sono disponibile a partecipare. Certo, rispondo, perchè mi fa piacere se le mie risposte possono contribuire ad una maggiore conoscenza della realtà. Ma si capisce fin dall’inizio che lo scopo del sondaggio non è quello.
Tutte le domande erano “orientate” a comprendere la fiducia nel governo attuale, nei suoi ministri ed eventualmente in Matteo Renzi come futuro premier, ma due domande in particolare tra le tante mi hanno colpito. La prima, lei chi voterebbe come premier tra Enrico Letta e Matteo Renzi? Di altri candidati nessuna traccia neanche nelle domande successive, ma può darsi che il committente fosse interessato a conoscere l’opinione solo su questi due nientalisti, ci può anche stare. L’altra, invece, è stata quella che mi ha sconcertato, alle prossime elezioni chi voterebbe tra Forza Italia, PD, NCD, Scelta civica, Lega, Fratelli d’Italia o SEL? Al che la mia obiezione è sorta spontanea, è il M5S? Perchè mi elenca anche i partiti da zero virgola e non uno dei tre partiti più votati? La signorina ovviamente risponde: “non sono io a decidere le domande, io devo solo sottoporle e a me hanno dato queste opzioni”. Qui il dubbio improvvisamente svanisce e si fanno strada le certezze sul perchè solo quel movimento non venga nominato. Perchè la realtà fa paura.
Quella stessa paura che, alle ultime elezioni, non ha consentito a nessun istituto di ricerca di prevedere il successo del M5S. La paura di guardare in faccia la realtà che caratterizza la nostra società, che cerca di rimandare o allontanare il più possibile l’arrivo di quel momento.
Eppure la ricerca sociale rappresenta un’attività, scientifica, dunque seria di studio e di analisi del mondo sociale, è un’attività di produzione di conoscenza, come mi ha insegnato all’Università la docente di Metodologia e tecnica della ricerca sociale. Lo scienziato sociale fa appello agli “indicatori sociali” che sono le manifestazioni sociali, cioè i fenomeni sociali. Ma oggi nei sondaggi non vi è alcuna traccia dei nuovi fenomeni sociali che interessano la società italiana perchè nessuno più ha il coraggio di analizzarli, perchè il nuovo che avanza (quello vero) fa paura e cercano di convincerci che quello (finto) che ci dicono esserlo lo è veramente.
Non ho mai creduto nei sondaggi come strumento di lettura della realtà ma come strumento di manipolazione della stessa. Il processo di manipolazione dei dati, infatti, è insito in questa metodologia, avviene fin dal primo minuto, da quando cioè si ha l’idea di commissionarlo. Se, dunque, non ci si interroga su chi fa ricerca e per conto di chi e come la si fa non si può fare un servizio alla verità.
E la verità è che la politica ha piegato alle sue esigenze, ancora una volta, dopo la ricerca e la sanità, un altro ambito che fino a ieri era prerogativa della scienza, riducendo le nostre possibilità di lettura della realtà. Panico pa panico pa panico paura….

Massimiliano Capalbo
Fonte: Questo lavoro è tratto interamente dal sito www.ereticamente.it 

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Altro in questa categoria:

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 98

Ieri 119

Questa Sett. 550

Questo Mese 2027

Da Sempre 357948

Vai all'inizio della pagina