Ti trovi qui:Portale/Letteratura/Le Vostre Opere/Donna Clotilde Racconta.../Donna Clotilde Racconta - Capitolo XXXV


Donna Clotilde Racconta - Capitolo XXXV

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/lucia/donna-clotilde.jpg

'A Cincucentu    

Testo Originale (con dialoghi in Dialetto Calabrese)

“Commendatò, staciti venedu a ppeda?” Don Vincenzo chiede al don Ignazio che si sta trascinando ansimante verso la solita panchina dei giardinetti di piazza Prefettura dove è seduto, bastone tra le gambe e mani sul manico, anche don Mimì.
“Assettatevi ccà, don Ignazzu!” Gli fa eco don Mimì “Assettatevi!”
Don Ignazio arranca fino ai nostri due amici, poi si siede pesantemente tra di loro.
“A cincucentu ‘a lassavi a la casa ojia?” Risponde don Ignazio dopo aver preso fiato “… eppi ‘e venira a peda!”
“E comu mai?” Chiede don Vincenzo preoccupato “… ‘a cincucento ‘on vi va bbona?”
“Noo!! Iddha va bbona… va bbona! Ma, si v’haju ‘e dira ‘a verità, ‘on da pozzu cchiù! Sacciu cchi hannu ‘nta capu si giuvani ‘e mò!? Ogni vota cchi ‘a pigghiu, mi sonanu d’arretu!” e si sventola con il giornale, poi continua “Ajieri, per esempiu, scindìa de Via Mariu Grecu… l’avia lavata ‘e friscu cchi paria nova e, ‘nu guagliuna arretu a mmia… ‘on mi sonau?!... e sona… e sona, poi m’imbuttau ccu ‘a machina ‘e na parte… !”
“Ma viditi vui!!” 
Don Mimì scandalizzato scuote ripetutamente il capo.
“Daveru!! Cchì genti!!” Gli fa eco don Vincenzino.
“E… !” Continua don Ignazio “‘on m’eppi ‘e fermara?!”
“Nenta ‘e meenuu!!” E don Vincenzino, come del resto don Mimì, accompagnano l’esclamazione con un gesto del capo.
“Fussera statu sulu chistu!” Continua don Ignazio contrariato “S’accostau a mmia, vasciau ‘u finesthrinu e mi dissa: ‘’On vidi ‘ma jietti su catorciu e… ricogghjiati a la casa!!’" e allunga il braccio con la mano aperta come ad imitare il colpevole.
“Ma daveru mu staciti dicendu!!” Si meraviglia don Mimì.
“Ma eu… sapiti cchi fazzu?”
“Cchì faciti… cchì faciti?” Chiedono all’unisono i due amici.
“’A machina ‘ma vindu!”
“E ‘nc’è bisognu sulu ppè cchistu ‘ma v’a vinditi?” si meraviglia don Vincenzino. “Chiddha po’ sempa servira!!”
“’U lejistivu ‘u giornala stamatina?” Chiede don Ignazio ai compari.
“Ca comu!...’a comunità europea vò ‘ma ni penalizza ppecchì simu chini ‘e debbiti!!”
“Maammaa! Don Vicè, si è accussì ‘u statu ni fa cacciara athri dinari!!” Si lamenta con Mimì e, come al solito, dice la sua “’On poteramu tornara ccu ‘a lira? Ccu s’euru stacimu pagandu tutti thri voti ‘e cchiù…!! Ma… scusati don Ignà, vui cchi siti ‘struitu, si po’ sapira duva vannu a finira tutti si dinari cchi ‘nci dunàmu? ”
“Stacivi quetu don Mimì!! … e mò cchi c’inthra ccu ‘u discursu cchì staciamu facendu?”
“C’inthra… c’inthra!” Interviene don Ignazio.
“Ppè mmia… ” Continua don Mimì, distratto, come se non avesse sentito gli amici “ si mangiau tuttu iddhu!!”
“Cchì staciti dicendu don Mimì!!! Ppè mmia ‘i spisi sunnu tanti!”
Ribatte don Vincenzino.
“Don Vicè… staciti pazzinadu!?” E’ don Ignazio adesso che mette in riga i nostri due amici “Eu ppè chistu mi vindu ‘a cincucentu!”
“… e mò cchi c’inthra ‘a cincucentu vostra ccu chiddhu cchi si mangia ‘u governu?” Chiede don Vincenzino.
“C’inthra… c’inthra!!”
“… e comu… comu?” Chiede don Mimì.
“Pensati a quantu mi custa ‘a cincucentu!” 
“Quantu… quantu?”
Don Ignazio si mette comodo, prende una sigaretta dalla tasca della giacchetta e l’accende.
“Allora… quandu me l’accatàvi nova ‘u governu, primis in primis… ” e don Ignazio, pollice in aria, comincia ad elencare “vozza ‘ma ‘nci pagu l’IVA, nà bella sommiceddha! poi ‘on ci abbastau e vozza athri sordi ppecchi… e su due… ‘a cincucento l’avia mintira ‘su strada’ comu dicianu iddhi… l’avia de ‘immatricolare’… ahtri sordi!!”
“Aviti ragiuunaa!!!” 
“’On finivi don Mimì… e l’IPT duva ‘a mintimu?”
“L’IPcchì? ‘e cchi esta?” Chiede don Vincenzino.
“Chi esta’… l’Imposta Provinciale di Trascrizione… e cchi vi criditi ca puru a provincia vozza ‘a parte sua!!”
“Signura!! Mi sarvavi eu cchi ‘on vozzi ‘ma m’imparu ‘ma guidu!!”
“Beatu a vui, ma…’on finivi don Mimì…ppecchì, ‘na vota cchì ‘a potti mintira ‘su strada’, comu dicia ‘u governu, e ‘nci dunavi i sordi puru alla provincia, mi ficiaru pagara ‘a tassa ppemma pozzu circolara… ppecchì, ‘u governu ‘on ‘u sapa cchi ‘na machina è machina sulu ppecchì ava ‘e caminara!? Sa tassa ‘na vota si chiamava ‘bollu’, poi a chiamaru ‘tassa di circolazione’, mò si chiama ‘tassa di proprietà’ e si paga tutti l’anni!!!”
“Ma, don Ignà, unu quando è proprietaru è proprietariu sempa!”
“Ppè vui, don Vicè, cchi siti ‘na persuna onesta, ma ppè su statu… simu proprietari annu ppè annu!!”
“Don Ignà… vi scordastivu dell’assicurazziona!”
Incalza don Vincenzino.
“No! Don Vicè… ’on m’ascordavi e… ” e qui don Ignazio fa ruotare la mano come a dire ‘a voglia quanto ancora c’è da dire!’“Ccà i tassi sunnu tanti e haju e jira ccu ordine, sinnò m’inda fujia ‘ncunu… !”
“… l’assicurazzione… ” L’aiuta don Mimì.
“Giustu! Cca i tassi sunnu: chiddhi cchi si pigghja ‘u govenu de chiddhi chi m'assicuranu, chiddhi cchi si pigghja l’assicurazzione e nui e poi…l’athri tassi cchi ‘u governu si pigghja e nui cchi n’assicuràmu!!!”
“Finimmi don Ignà? …ca mi gira ‘a capu!!”  
“Già vi stancastivu  don Vicè? ancooraaa!!! fin’a mò pagavi ‘i tassi sulu ‘ma m’assettu a la machina, ma… comu pozzu girara si ‘on mintu benzina? Cà ‘u governu… si ficia raffinatu!!”
“Ppecchì? Ppecchì?”
“… ca misa ‘na tassa ppe ogni lithru de benzina… quantu tena ‘a machina vostra?”
“Vu dissi, don Ignà, eu ‘on l’haju!”
“’On si po’ parrara ccu vui!! Dissi ‘a vostra ppè parrara de unu cchi l’ava… mi staciti facendu perdira ‘u filu do discursu… insomma… ’ntà machina mia, per esempiu, trasanu ‘na ventina ‘e lithri de benzina? E pagu ‘i tassi ppè venti voti: una ppè ogni litru!!” 
“Finimmi don ignà?”

“Finimmi?! Beatu ‘a vui cchi ‘on aviti ‘a machina, ppecchì se si ruppa!!”
“Si si ruppa?”
“‘Nciaju e pagara l’Iva a lu meccanicu! E chista è una, poi si zammalicani s’avera ruppira puru nu pezzu… mi custa ‘u pezzu e… l’IVA subba ‘u pezzu!!”
“Aviti ragiuna don Ignà… IVA, ITPT… comu i chiama si chiama, sempa tassi sunnu!!”
“Mi stannu sucandu ‘u sangu don Vicè!” Continua don Ignazio “… e vui parrati cchi su statu ava nu saccu ‘e spisi? ‘i spisi l’avimu nui!!!”
“Mamma daveru, don Ignà… ’on ci avia pensatu!!”

“Aspettati… don Mimì… mi stacia scordandu… ’a revisiona!”
“Nathra tassa?” Si meraviglia don Mimì.
E don Ignazio “… l’urtima… !”


Nota: Per chi non avesse familiarità con il dialetto calabrese, ecco a seguire la traduzione completa in italiano. 



Testo Tradotto (con dialoghi in italiano)

[spoiler title=""]“Commendatore, state venendo a piedi?” Don Vincenzo chiede al don Ignazio che si sta trascinando ansimante verso la solita panchina dei giardinetti di piazza Prefettura dove è seduto, bastone tra le gambe e mani sul manico, anche don Mimì.
“Sedetevi qua, don Ignazio!” Gli fa eco don Mimì “Sedetevi!”
Don Ignazio arranca fino ai nostri due amici, poi si siede pesantemente tra di loro.
“La cinquecento l'avete lasciata a casa oggi?” Risponde don Ignazio dopo aver preso fiato “… sono dovuto venire a piedi!”
“E come mai?” Chiede don Vincenzo preoccupato “… la cinquecento non vi va bene?”
“Noo!! La macchina va bene! Ma, se vi devo dire la vertà, non ne posso più! So cosa hanno in testa questi giovani d'oggi?! Ogni volta che la prendo, mi suonano di dietro!” e si sventola con il giornale, poi continua “Ieri, per esempio, scendevo da via Mario Greco… l'avevo lavata, sembrava nuova e, un ragazzo dietro a me.. non mi suona?!... e suona...e suona, poi mi spinge con la macchna da un parte... !" 
“Ma vedete voi!!”
Don Mimì scandalizzato scuote ripetutamente il capo.
“Davvero!! Che gente!!” Gli fa eco don Vincenzino.
“E…!” Continua don Ignazio “mi sono dovuto fermare?!”
“Niente di meno!!” E don Vincenzino, come del resto don Mimì,  accompagnano l’esclamazione con un gesto del capo.
“Fosse stato solo questo!” Continua don Ignazio contrariato “Mi si è accostato, ha abbassato il finestrino e mi ha detto: 'Sarebbe ora che buttaste questa macchina e... è meglio se ve ne tornate a casa!!’" e allunga il braccio con la mano aperta come ad imitare il colpevole.
“Ma davvero me lo state dicendo!!” Si meraviglia don Mimì.
“Ma io… sapete cosa faccio?”
“Cosa fate... cosa fate?” Chiedono all’unisono i due amici.
“Mi vendo la macchina!”
“E c'è bisogno, solo per questo, che ve la vendiate?” si meraviglia don Vincenzino. “Vi può sempre servire!!”
“Avete letto il giornale di stamattina?” Chiede  don Ignazio ai compari.
“Certo!... la comunità europea ci vuole penalizzare perchè siamo pieni di debiti!!”
“Maammaa! Don Vicè, se è così lo stato non farà altro che levarci altri soldii!!” Si lamenta con Mimì e, come al solito, dice la sua “Non si potrebbe tornare con la lira? Con quest'euro stiamo pagando tutti tre volte di più... !! Ma... scusate, don Ignazio, voi che site istruito, si può sapere dove vanno a finire tutti questi soldi che gli diamo? ”
“State zitto don Mimì!! ...  vorrei sapere cosa c'entra adesso con il discorso che stavamo facendo?”
“C'entra... c'entra!" 
Interviene don Ignazio.
“Per me… ” Continua don Mimì, distratto, come se non avesse sentito gli amici “Se li è mangiati tutti lui, lo stato!!”
“Cosa state dicendo don Mimì!!! Per me le spese sono tante!”
Ribatte don Vincenzino.
“Don Vicè… state diventando pazzo?” E’ don Ignazio adesso che mette in riga i nostri due amici “Io per questo mi voglio vendere la cinquecento!”
“… e adesso cosa c'entra la vostra cinquecento con quello che si mangia il governo?” Chiede don Vincenzino.
“C'entra... c'entra!!”
“… e come... e come?”
 Chiede don Mimì.
“Pensate a quanto mi costa la cinquecento!” 
“Quanto… quanto?”

Don Ignazio si mette comodo, prende una sigaretta dalla tasca della giacchetta e l’accende.
“Allora… quando l'ho comperata nuova il governo, primis, in primis... ” e don Ignazio, pollice in aria, comincia ad elencare “Ha voluta che gli pagassi l'IVA, una bella sommetta! poi non gli è bastata e ha voluto altri soldi perchè... e sono due... la cinquecento la dovevo mettere 'su strada' come dicono lorovo ... la dovevo immatricolare... altri soldi!!”
“Avete ragioonee!!!” 

“Non ho finito don MImì... e IPT dove la mettiamo?”
“L’IP... che? e cos'è?”
 Chiede don Vincenzino.
“Cos'è?… è l’Imposta Provinciale di Trascrizione… e cosa vi credete... anche la privincia vuole la sua parte!!”
“Signore!! Mi sono salvato perchè non ho voluto imparare a guidare!!”
“Beato a voi, ma… non ho finito don Mimì… perchè una volta  che l'ho potuta mettere 'su strada', come dice il governo, e ho dato i soldi anche i soldi alla provincia, mi hanno fatto pagare la tassa per circolare... perchè il governo non lo sa che una macchina è macchina solo perchè deve camminare? Questa tassa una volta si chiamava 'bollo', poi l'hanno chiamata 'tassa di circolazione', adesso si chiama 'tassa di proprietà' e si paga tutti gli anni!!!" 
“Ma, don Ignà, uno quando è prorietario è proprietario sempre!”
“Per voi, don Vincenzo, che siete una persona onesta, ma per questo stato... siamo proprietari anno per anno!!!" 
“Don Ignà… vi siete dimenticati dell'assicurazione!”

Incalza don Vincenzino.
“No! Don Vicè… non me la sono scordata e… ” e qui don Ignazio fa ruotare la mano come a dire ‘a voglia quanto ancora c’è da dire!’“perchè le tasse sono tante e devo andare con ordine, altrimenti me ne può scappare qualcuna… !”
“… l’assicurazione… ”
 L’aiuta don Mimì.
“Giusto! Qui le tasse sono: quella che si prende il governo dall'assicuratore, quella che si prende l'aassicurazione da noi e poi... l'altra tassa che il governo si prende da noi che ci assicuriamo!!!”
“Abbiamo finito don Ignà? … perchè mi gira la testa!!”  
“Vi siete già stancato don Vicè? ancooraaa!!! fino ad ora ho pagato le tasse solo per stare seduto in macchina, ma... come posso girare se non metto la benzina? Perchè il governo... si è fatto raffinato!!”
“Pecchè? Pecchè?”
“… perchè ha messo una tassa per ogni litro di benzina... quanti litri è il pieno della vostra macchina ?”
“Ve l'ho detto, don Ignazio, io la macchina non ce l'ho!”
“Con voi non si può parlare!! Ho detto la vostra per riferirmi ad una qualunque... mi state facendo perdere il filo del discorso... insomma... nella mia macchina, per esempio, entrano una ventina di litri di benzina? Io pago le tasse venti volte: una per ogni litro!!” 
“Abbiamo finito don Ignà?”

“Finitooo?! Beato a voi che non avete la macchina, perchè se si dovesse rompere!!”
“Se si dovesse rompere?”
“Devo pagare l'IVa al meccanico! E questa è una, poi, se per sfortuna, si dovesse rompere pure un pezzo... mi costerebbe il pezzo e... l'IVA sopra il pezzo!!”
“Avete ragione don Ignazio... IVA, ITPT... come si chiama, sempre tasse sono!!”
“Mi stanno succhiando il sangue don Vincenzo!” Continua don Ignazio “… e voi dite che questo stato ha un sacco di spese? Le spese ce l'abbiamo noi!!!”
“Mamma davvero, don Ignà… non ci avevo pensato!!”

“Aspettate… don Mimì… mi stavo dimenticando... della revisione!”
“Un'altra tassa?” Si meraviglia don Mimì.
E don Ignazio “… l’ultima… !”[/spoiler]

Nota: Ogni riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti è puramente casuale. I personaggi e le storie narrate sono frutto della pura immaginazione dell'autrice. Si declina ogni responsabilità.

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 22

Ieri 94

Questa Sett. 666

Questo Mese 2143

Da Sempre 358064

Vai all'inizio della pagina