Ti trovi qui:Portale/Letteratura/Le Vostre Opere/Donna Clotilde Racconta.../Donna Clotilde Racconta - Capitolo XXXIII


Donna Clotilde Racconta - Capitolo XXXIII

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/lucia/donna-clotilde.jpg

U Previta Novu    

Testo Originale (con dialoghi in Dialetto Calabrese)

“Annì!” donna Felicina è affacciata alla finestrella del suo basso e, tra un vaso di gerani a destra e uno di basilico a sinistra, chiama comare Annina che, borsa sotto il braccio, claudicante nelle sue scarpe deformate dall’artrosi, sta passando di lì.
“Annì!! Duva staciti jendu?”
“Bbongiorno cummà!!” e Annina si avvicina alla finestrella dove è affacciata Felicina “…staju jendu a la missa!!”
“E’ u veru ca arriva 'nu previta novu?” chiede Felicina, gli avambracci poggiati sul davanzale, la testa incassata nelle spalle.
“Mi dissaru ca esta giuvana giuvana…! Vui ‘ndà sapiti ‘nc’una cosa?” e comare Annina abbraccia i due lembi della giacchetta grigia sul petto“Ppè dira a verità…stacìa jendu apposta a la chiesa ‘ma viju com’esta!!” risponde.
“Jolanda…chiddha subba a mmia…” e Felicina alza gli occhi per indica il piano superiore “mi dissa ca l’atru jornu si cumpessàu ccù chistu!”
“Daveeruu?!” si meraviglia Annina.
“Mò ‘a chiamu e ni facimu cuntara tuttu! …Jolaandaaa!” urla Felicina ruotando la testa verso il piano superiore “Jolààà!”
“Cu è?...cu è?” si affaccia l’interessata dalla finestra di sopra cercando la provenienza della voce.
“Ccà!...ccà! …sugnu eu!” la indirizza Felicina “scinda sutta ca 'a cummara vò 'ma sapa do' previtèddhu novu!”
“Scindu!...scindu!” e chiude svelta la finestra.
“Mò ni facimu cuntara de iddha!” la tranquillizza Felicina. Il tempo di finire la frase che già si sente per le scale lo scalpiccio delle ciabatte di Jolanda. Ed eccola comparire per strada: è scompigliata e va asciugandosi le mani al grembiule scozzese lordo di farina.
“Scusati cummà…” si giustifica “stacia scilandu a pasta…!! Cchì voliti sapira?”
“Do' previta novu Jolà!...do' previta novu!!” 
“Cuntatinci…cuntatinci!” incalza Annina.
Jolanda liscia il grembiule col palmo delle mani “Aviti e sapira…” comincia schioccando la lingua “cchì l’atru jornu jivi a la chiesa ‘ma mi cumpessu e a lu postu de don Vitaliano trovavi su previteddhu…patre Carmine!...mi para ca si chiama!!”
“…e com’èsta…com’èsta?” chiede Annina.
“E’ siccu siccu … allampanatu! …e poi…”
“...e poi?” chiede Felicina.
“…e poi?” le fa eco Annina.
“L’avia pigghjatu ppè 'nu chirichèddhu!”
“…e com’è?”
“Donn’Annì…” e Jolanda inchioda i pugni sui fianchi “avia nu paru e cazuni e chisti cchì portanu si giuvani e mò…ssi ginsi…-sacciu comu si chiamanu?- e 'na cammisa a quatretti…!...’on avia mancu 'u collarinu d’è previti!! …Cchì avia ‘e pensara?”
“Maammaa…aviti ragiuna donna Jolà!!” e Felicina lancia uno sguardo al cielo scuotendo la testa in senso di diniego.
“Quandu poi ‘ncì dissi ca m’avia de cumpessara….!” E Jolanda agita la mano davanti a se.
“Cchì?...cchì? Jolà!” chiede ansiosa Annina.
“ Mi ficia assettara a nu bancu d’a chiesa, s’assettau puru iddhu e… eu‘on volia ‘ma mi cumpessa ddhà…‘mmenzu a li genti?!”
“Mamma Jolà…!” si meraviglia Annina “Faccia a faccia de iddhu!?”
“Ca comu!!” conferma Jolanda riconducendo i pugni sui fianchi “ca comu!!”
“…e vui?... cchì ‘ncì dicistivu?” chiede Felicina.
“Ah!...eu ‘nci dissi ca ‘on si ‘nda parrava... ! Ca quandummai si videtta 'na cosa e sa manera!!”
“Cchì mi diciitii!!” si scandalizza Annina.
“Quandu ‘ncì si cumpessa…-’ncì dissi-” continua Iolanda “’nci ha d’èssera ‘a grata ‘mmenzu!”
“…e iddhu…iddhu cchì vi dissa!!” chiede incuriosita Annina “cchì vi dissa!”
“Mi dissa ca no! Ca mò ‘on esta comu na vota!!!...ca si parra comu si eu e idddhu  fusseramu amici!!!”
“Ma iddhu è paaacciu!!”
 interviene allarmata Annina.
“….e cu u canuscia a chistu!!” continua Jolanda e unendo la punta delle dita intorno al pollice  scuote su e giù il polso.
“…e vui cchì ‘ncì dicistivu?” chiede Felicina dal suo balconcino.
“Ah!! ‘ncì dissi ca ‘on si ‘ndà parrava…ca eu mi cumpessu sulu arretu a lu cumpessionala!!!”
“Facistivu bbona Jolà!!” si complimenta Felicina.
Intanto Annina “Scusati cummà!...” si accomiata guardando il suo orologio intorno al polso “ è tardiceddhu e ‘on volera perdira ‘a missa!”
“Jati…jati!!” la saluta Felicina.
“Jati donna Annì!...Jàti!!” le fa eco Jolanda e mentre Annina si allontana, le due donne continuano a parlare tra loro.
Annina ha appena girato l’angolo che “Cummare! cummà!” si sente chiamare: è donna Maria che, dall’altro capo del vicolo, bastone alle mani, lentamente, anche lei è in procinto di andare a messa. L’amica si gira con difficoltà “Ah siti vui Marì?...stacia jendu a la missa!”
“Puru eu!” e raggiunta l’amica donna Annina le sussurra all’orecchio “jamu assema ca v’haju e parrara!!”
“E cchì m’aviti e dira?” chiede donna Maria prendendo dal braccio la comare.
“U sapiti ca cangiau 'u previta?...mò ‘ndà vinna unu novu… 'nu guagghunèddhu…!”
“Daveeruu!”
“Aviti sapira ca donna Jolanda…, chiddha cchi sta subba Felicina…” e, sotto braccio, le due vecchiette spariscono dietro l’angolo...


Nota: Per chi non avesse familiarità con il dialetto calabrese, ecco a seguire la traduzione completa in italiano. 



Testo Tradotto (con dialoghi in italiano)

[spoiler title=""]“Annì!” donna Felicina è affacciata alla finestrella del suo basso e, tra un vaso di gerani a destra e uno di basilico a sinistra, chiama comare Annina che, borsa sotto il braccio, claudicante nelle sue scarpe deformate dall’artrosi, sta passando di lì.
“Annì!! Dove state andando?”
“Buongiorno cumare!!” e Annina si avvicina alla finestrella dove è affacciata Felicina “…sto andando a messa!!”
“E’ vero che è arrivato un prete nuovo?” chiede Felicina, gli avambracci poggiati sul davanzale, la testa incassata nelle spalle.
“Mi hanno detto che è molto giovane…! Sapete qualcosa voi?” e comare Annina abbraccia i due lembi della giacchetta grigia sul petto “Per dire la verità... stavo andando proprio in chiesa a vedere com'è!!” risponde.
“Jolanda… quella che abita sopra di me…” e Felicina alza gli occhi per indica il piano superiore “mi ha detto che l'altro giorno si è confessata proprio con questo nuovo prete!”
“Davveeroo?!” si meraviglia Annina.
“Adesso la chiamo e ci facciamo raccontare tutto! …Jolaandaaa!” urla Felicina ruotando la testa verso il piano superiore “Jolààà!”
“Chi è?...chi è?” si affaccia l’interessata dalla finestra di sopra cercando la provenienza della voce.
“Qua!...qua! …sono io!” la indirizza Felicina “scendi in strada che la comare vuole sapere del nuovo prete!”
“Scendo!...scendo!” e chiude svelta la finestra.
“Adesso ci facciamo raccontare tutto da lei!” la tranquillizza Felicina. Il tempo di finire la frase che già si sente per le scale lo scalpiccio delle ciabatte di Jolanda. Ed eccola comparire per strada: è scompigliata e va asciugandosi le mani al grembiule scozzese lordo di farina.
“Scusate comà…” si giustifica “stavo stendendo la pasta…!! Che cosa volete sapere?”
“Vorremmo sapere del nuovo prete!!” 
“Raccontateci... raccontateci!” incalza Annina.
Jolanda liscia il grembiule col palmo delle mani “Dovete sapere…” comincia schioccando la lingua “che l'altro giorno sono andata in chiesa per confessarmi e, al posto di don Vitaliano ho trovato questo pretino...padre Carmine... mi pare che si chiami!!”
“…e com’è…com’è?” chiede Annina.
“E’ magro magro … allampanato! …e poi…”
“...e poi?” chiede Felicina.
“…e poi?” le fa eco Annina.
“L'avevo scambiato per un chirichetto!”
“…e com’è?”
“Donna Annina…” e Jolanda inchioda i pugni sui fianchi “indossava un paio di pantaloni uguale a quelli che portano questi ragazzi di adesso... i jeans... mi pare che si chiamino e una camicia a quadretti…!...non aveva nemmeno il collarino dei preti!! ... cosa avrei dovuto pensare?”
“Maammaa… avete proprio ragione donna Jolanda!!” e Felicina lancia uno sguardo al cielo scuotendo la testa in senso di diniego.
“Quando poi gli ho detto che mi dovevo confessare….!” E Jolanda agita la mano davanti a se.
“Cosa?...cosa? Jolà!” chiede ansiosa Annina.
“ Mi ha fatto sedere ad un banco della chiesa, si è seduto anche lui e... non voleva che mi confessassi là... in mezzo a tutta lal gente?!”
“Mamma Jolà…!” si meraviglia Annina “Faccia a faccia a lui!?”
“Proprio così!!” conferma Jolanda riconducendo i pugni sui fianchi “Proprio così!!”
“…e voi?... cosa gli avete detto?” chiede Felicina.
“Ah!...io gli ho detto che non se ne parlava proprio...! Che non si è mai vista una cosa del genere!!”
“Cosa mi state dicendo!!” si scandalizza Annina.
“Quando ci si confessa…-gli ho detto -” continua Iolanda “ci deve essere sempre la grata in mezzo!”
“…e lui… lui cosa vi ha detto??” chiede incuriosita Annina “cosa vi ha detto?”
“Mi ha detto di no! Mi ha detto che adesso non è come una volta!!!... che adesso si parla come se io e lui fossimo degli amici!!!”
“Ma questo è paazzoo!!” interviene allarmata Annina.
“….e chi lo conosce a questo!!” continua Jolanda e unendo la punta delle dita intorno al pollice  scuote su e giù il polso.
“…e voi? voi cosa gli avete detto?” chiede Felicina dal suo balconcino.
“Ah!! gli ho detto che non se ne parlava proprio... che io mi confesso nel confessionale dietro la grata!!!”
“Avete fatto bene Jolanda!!” si complimenta Felicina.
Intanto Annina “Scusate comà!...” si accomiata guardando il suo orologio intorno al polso “ è tardi e non vorrei perdere la messa!”
“Andate... andate!!” la saluta Felicina.
“Andate donna Annina!...Andate!!” le fa eco Jolanda e mentre Annina si allontana, le due donne continuano a parlare tra loro.
Annina ha appena girato l’angolo che “Comare! comà!” si sente chiamare: è donna Maria che, dall’altro capo del vicolo, bastone alle mani, lentamente, anche lei è in procinto di andare a messa. L’amica si gira con difficoltà “Ah siete voi Maria?...stavo andando a messa!”
“Anch'io!” e raggiunta l’amica donna Annina le sussurra all’orecchio “Andiamo insieme perché vi devo parlare!!”
“Mi dovete parlare di cosa?” chiede donna Maria prendendo dal braccio la comare.
“Lo sapete che hanno cambiato il prete?... adesso ne è venuto uno nuovo... un ragazzino…!”
“Davveroo!”
“Dovete sapere che donna Jolanda..., quella che abita sopra a Felicina…” e, sotto braccio, le due vecchiette spariscono dietro l’angolo...[/spoiler]

Nota: Ogni riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti è puramente casuale. I personaggi e le storie narrate sono frutto della pura immaginazione dell'autrice. Si declina ogni responsabilità.

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 63

Ieri 107

Questa Sett. 63

Questo Mese 2024

Da Sempre 364560

Vai all'inizio della pagina