Ti trovi qui:Portale/Letteratura/Le Vostre Opere/Donna Clotilde Racconta.../Donna Clotilde Racconta - Capitolo XXVIII


Donna Clotilde Racconta - Capitolo XXVIII

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/lucia/donna-clotilde.jpg

'A Gloria    

Testo Originale (con dialoghi in Dialetto Calabrese)

“L'ahtru  jornu mugghjièremma videtta 'a figghjia 'e Gisella...”comunica stancamente don Vincenzino le ultime novità ai suoi due amici che, seduti accanto a lui su una delle panchine dei giardini del Corso di Catanzaro, non sembrano per nulla interessati.
“Chiddha cchi 'na vota facia 'a lavandara?” chiede distrattamente don Mimì sempre attento al suo piede perennemente gonfio.
“Eh!” Risponde don Vincenzino “Iddha...iddha!”
“Si spusau?” Questa volta è don Ignazio che sembra interessato alla cosa.
“'A mucchjiera mia 'on ci 'u chiediu!!” risponde... “Comu 'on ci 'u chiediu... donna Lucia... cchi mi faciti dira!!! cchì... ojia vivistivu?”
Ma cosa sta succedendo? E' mai possibile che don Vincenzino stia proprio palando con me?”
“Ccu vui...ccu vui... donna Lucia Sacchi!!”
Ma cosa sta succedendo? Forse che non comando più la mia penna?
“Eh no cchi 'on 'a cumandati donna Lucì!!! Vi para possibbile a vui cchi Rosina, 'a mugghjera mia, 'on ci dumandava si avia spusatu? Ma si ccà a Catanzaru 'on n'accuntentamu mai 'e sapira i fatti 'e l'athri!!! Donna Lucia....aviti 'e sapira ca cca si 'ncunu è randa e ancora 'on si spusau, n'informanu quandu si spusa...si ava 'nu figghju masculu, volimu sapira quandu fa 'a fimmina... si ava 'a fimmina, quandu ni fa 'u masculu e, quandu 'nd'ava dui... volimu spira quandu fa 'u terzu! Ca 'on c'è dui senza tri!!”
Mio Dio! Quando mai si è visto che dei personaggi di penna contestino il proprio autore e così spudoratamente, poi!!
“E' possibila... è possibila!” Questa volta è don Mimì che interviene deciso “... ava 'e mò cchi v'avimu 'e parrara!!!”
"Parlare con me? E cosa mi dovete dire?"
“Primis in primis, si po' sapira quandu 'a finimu ccu su peda meu?... me l'haju 'e tenira sempa 'e sa manera?”
"Ma...veramente..."
“Lassati stata 'u peda vosthru 'on esta 'a prima cosa cchi s'ava 'e parrara!!” Mi interrompe don Ignazio bloccando l'amico.
"E di cosa mi dovete parlare, scusate don Ignazio? Non basta lo scontento generale, pure voi cominciate adesso a contestare?"
“Nui 'on contestamu... scioperamu!!”
"Scioperate!? ...e perchè, scusate?"
“Donna Lucì, ni stuffammi 'ma stacimu tutti 'i simani assettati ccà, subba sta ca... 'e panchina!!”
"DON IGNAZIO! MI MERAVIGLIO DI VOI!!! a stento ho bloccato la vostra parolaccia!!!"
“... e facistivu mala! Me l'aviavu 'e fara finira... ca quandu 'nci vò... 'nci vò!”
"Comunque, don Ignazio, se dobbiamo essere sinceri... non tutte le settimane state seduti su quella panchina!!!!
“Chista è nathra cosa cchi avimu 'e chiarira! Ppecchì 'on nescimu su chiddhu, comu si chima... “omnicomprensivu” tutti 'i simani?”
“Ava ragiuna donn'Ignazzu!! Pecchì?" Interviene anche don Vincenzino.
“Si, pecchì?” Gli fa eco don Mimì.
"Beh! Non ci siete solo voi... un giorno esce  donna Clotilde, un giorno..."
“... 'on nescia nenta!!” Continua allusivo don Ignazio.
"Capita che..."
“Nui stacimu assettati cca... e aspettamu cu sapa cui...!!”
"Ho deciso, vi sposto: che ne dite se vi trasferisco davanti l'ospedale?"
“Maaammaaa, donna Lucì...propriu ddhà!!!” Don Mimì è decisamente contrario.
“No! No!” E' contrario anche don Ignazio “... ca ddha 'nci stannu tutti chiddhi annunci mortuari!! Eu vogghju 'ma 'i leghju sulu quandu scindu 'ma vegnu ccà a lu Corsu, 'ma mi tegnu aggiornatu, 'on vogghju 'ma l'haju sempa avanti l'occhi!!”
"Ci vogliamo allora spostare a Piazza Matteotti?"
“Ccu chiddha scalinata cchì 'on ava né capu né cuda?! Ccu chiddhu sordatu cchi para cchi m'ava d'arringara 'e 'nu minuto all'athru chiddha bumba cchi ava a li mani?!”
“E poi...” continua don Mimì “si vidanu sulu machini!!”
"Ma insomma si può sapere cosa volete?"
“Nathra mugghjiera, donna Lucì,... nathra mugghjiera!” Ne approfitta don Vincenzino.
“Don Vicè.... parramu prima 'e cosi seri!... sentiti, donna Lucì, ccu tutta sa fatica cchi facimu e … 'on avimu mancu 'nu pocu 'e gloria!!”
"E gloria!? Don Ignazio... mò nescìu 'a gloria?"
“Donna Lucì, para cchi Rosina 'ncì dissa a don Vincenzinu cà donna Clotilde s'accattau 'nu compiutere 'ma vi duna 'na manu pemma cogghjiti tutti l'articuli 'ntà nu libbru!... è u veru 'on Vicè?” Chiede conferma don Mimì.
E' vero! Ma cosa c'entra la gloria?
“Ca comuuu!!” poi don Ignazio puntualizza “...e nui? Stacimuu sempa assettati ccà! … e 'on voliti 'ma cogghjti 'ntà su libbru puru l'articuli nostri?”
"Ah! Ora capisco!!! Questa è la gloria!! Vuol dire che quando finirò il libro con donna Clotilde, penserò anche a scrivere il vostro!"
“... e quantu 'nci vò 'ma 'u finiti su benedittu libbru?” Interviene prontamente don Mimì.
"Sarà sicuramente pronto alla fine dell'estate!... ci vuole tempo...applicazione..."
“E' megghju 'ma 'on tempuriati troppu sinnò 'a gloria l'avimu doppu cchi morimu!! Simu già ccu nu peda 'nt'a fossa!!” Puntualizza don Vincenzino.
Don Vincenzino oggi mi sembra particolarmente pessimista!
“Quala peda 'nt'a fossa!!... quala  peda 'nt'a fossa!” Questa volta don Mimì provvede prontamente a... fare i suoi dovuti scongiuri  non del tutto ortodossi.
"Beh! Se permettete, questo lo posso decidere solo io e... ppè mò potiti stara tranquilli!!"
“... e si, ca mò vi sostituìstivu a lu Pathreternu!!”
"Come autrice si, sempre se non finisco prima io... con tutti e due i piedi nella fossa!!"
"Mò basta parrara! Lassatimi jira ca eu e donna Clotilde avimu cchi fara... ni vidimu 'a prossima simana, a lu Signura...
"... e a donna Lucia piacendu!”
 Conclude don Ignazio.


Nota: Per chi non avesse familiarità con il dialetto calabrese, ecco a seguire la traduzione completa in italiano. 



Testo Tradotto (con dialoghi in italiano)

[spoiler title=""]“L'altro giorno mia moglie ha visto la figlia di Gisella..."comunica stancamente don Vincenzino le ultime novità ai suoi due amici che, seduti accanto a lui su una delle panchine dei giardini del Corso di Catanzaro, non sembrano per nulla interessati.
“Quella che una volta faceva la lavandaia?" chiede distrattamente don Mimì sempre attento al suo piede perennemente gonfio.
“Eh!” Risponde don Vincenzino “Quella... quella!!" 
“Si è sposata?" Questa volta è don Ignazio che sembra interessato alla cosa.
“Mia moglie non glielo ha chiesto!!" risponde... “Come non gliel'ha chiesto... donna Lucia...cosa mi fate dire!!! ...oggi avete bevuto per caso?" 
Ma cosa sta succedendo? E' mai possibile che don Vincenzino stia proprio palando con me?
“Con voi... con voi... donna Lucia Sacchi!!"Ccu vui...ccu vui... donna Lucia Sacchi!!”
Ma cosa sta succedendo? Forse che non comando più la mia penna?
“Eh... non la comandate no  donna Lucì!!! Vi sembra possibile a voi che Rosina, mia moglie, non domandava se si era sposata? ma se qui a Catanzaro non ci accontentiamo mai di sapere i fatti degli altri!!!  Donna Lucia... dovete sapere che se qualcuno è grande d'età e ancora non si è sposato, noi ci informiamo quando si sposa... se ha un figlio maschio, vogliamo sapere quando fa la femmina... se ha una femmina, quando fa il maschio e, quando ce n'ha due... vogliamo sapere quando fa il terzo! Perchè non c'è mai due senza tre!!" 
Mio Dio! Quando mai si è visto che dei personaggi di penna contestino il proprio autore e così spudoratamente, poi!!
“E' possibile... è possibile!” Questa volta è don Mimì che interviene deciso “... è da molto che dovevamo parlarvi!!!”
"Parlare con me? E cosa mi dovete dire?"
“Primis in primis, si può sapere quando la finiamo con questo piede mio?... me lo devo tenere sempre in questo modo?" 
"Ma...veramente..."
“Lasciate stare il vostro piede che non è la prima cosa di cui dobbiamo parlare!!" Mi interrompe don Ignazio bloccando l'amico.
"E di cosa mi dovete parlare, scusate don Ignazio? Non basta lo scontento generale, pure voi cominciate adesso a contestare?"
“Noi non contestiamo... scioperiamo!!" 
"Scioperate!? ...e perché, scusate?"
“Donna Lucì, ci siamo stufati di stare tutte le settimane seduti qua, sopra questa ca... di panchina!
"DON IGNAZIO! MI MERAVIGLIO DI VOI!!! A stento ho bloccato la vostra parolaccia!!!"
“... e avete fatto male! Me la dovevate fare finire... perché quando ci vuole, ci vuole!!" 
"Comunque, don Ignazio, se dobbiamo essere sinceri... non tutte le settimane state seduti su quella panchina!!!"
“Questa è un'altra cosa che dobbiamo chiarire!" Perché non usciamo su quello, come si chiama... "onmicomprensivo", tutte le settimane?" 
“Ha ragione don Ignazio! perché?" Interviene anche don Vincenzino.
“Si, perchè?” Gli fa eco don Mimì.
"Beh! Non ci siete solo voi... un giorno esce donna Clotilde, un giorno..."
“... non esce niente!!" Continua allusivo don Ignazio.
"Capita che..."
“Che noi stiamo seduti qua... e aspettiamo chissà che cosa...!" 
"Ho deciso, vi sposto: che ne dite se vi trasferisco davanti l'ospedale?"
“Maaammaaa, donna Lucì...proprio là!!!” Don Mimì è decisamente contrario.
“No! No!” E' contrario anche don Ignazio “... là ci stanno tutti quegli annunci mortuari!! Io li voglio leggere solo quando scendo per venire qua al Corso, solo per tenermi aggiornato, non voglio averli sempre davanti agli occhi!!"  
"Ci vogliamo allora spostare a Piazza Matteotti?"
“Con quella scalinata che non ha ne capo ne coda?! Con quel soldato che sembra che mi deve lanciare da un momento all'altro quella bomba che ha in mano?!" 
“E poi...” continua don Mimì “si vedono solo macchine!!”
"Ma insomma si può sapere cosa volete?"
“Un'altra moglie, donna Lucì... un'altra moglie!" Ne approfitta don Vincenzino.
“Don Vincenzo... parliamo prima di cose serie!... sentite, donna Lucia, fatichiamo tanto e... non abbiamo nemmeno un poco di gloria?" 
Gloria?! Don Ignazio... adesso è uscita la gloria? 
“Donna Lucì, Rosina ha detto a don Vincenzino che donna Clotilde si è comperata un computer per darvi una mano per raccogliere tutti gli articoli in un libro... è vero don Vincenzo?" Chiede conferma don Mimì.
"E' vero! Ma cosa c'entra la gloria?"
“E' vero!!” poi don Ignazio puntualizza “...e noi? Stiamo sempre seduti qua! … e non dovreste raccogliere in un libro anche gli articoli nostri?"
"Ah! Ora capisco!!! Questa è la gloria!! Vuol dire che quando finirò il libro con donna Clotilde, penserò anche a scrivere il vostro!"
“... e quanto ci vuole perché lo finiate questo benedetto libro?" Interviene prontamente don Mimì.
"Sarà sicuramente pronto alla fine dell'estate!... ci vuole tempo...applicazione..."
E' meglio che non temporeggiate troppo altrimenti la gloria l'avremo dopo morti! Siamo già con un piede nella fossa!!" Puntualizza don Vincenzino.
"Don Vincenzino oggi mi sembra particolarmente pessimista!"
“Quale piede nella fossa!!... quale  piede nella fossa!” Questa volta don Mimì provvede prontamente a... fare i suoi dovuti scongiuri non del tutto ortodossi.
"Beh! Se permettete, questo lo posso decidere solo io e... per ora potete stare tranquilli!!"
“... e si, adesso vorreste sostituirvi al Padreterno!!" 
"Come autrice si, sempre se non finisco prima io... con tutti e due i piedi nella fossa!!"
"Adesso basta parlare! Lasciatemi andare perché io e donna Clotilde abbiamo da fare... ci vediamo la prossima settimana, Signore permettendo..."
"... e a donna Lucia piacendo!” Conclude don Ignazio.[/spoiler]

Nota: Ogni riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti è puramente casuale. I personaggi e le storie narrate sono frutto della pura immaginazione dell'autrice. Si declina ogni responsabilità.

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 107

Ieri 118

Questa Sett. 225

Questo Mese 2186

Da Sempre 364722

Vai all'inizio della pagina