Ti trovi qui:Portale/Letteratura/Fumetti/Il Corvo di James O'Barr


Il Corvo di James O'Barr

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-1.jpghttp://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-2.jpg

Ma come – vi starete chiedendo – Il Corvo non è un film? Si che lo è, ed è anche una delle mie pellicole preferite, a cui sono maggiormente legato. Ma, prima del film, c'era il fumetto da cui è stato tratto. Le cose però spesso vanno al contrario, e quindi è stato il fumetto, relativamente sconosciuto, a trarre grosso beneficio dalla sua controparte cinematografica, che al contrario ebbe molto successo.

Iniziato dal James 0'Barr nel 1980, The Crow è stato completato solo nel 1989. La sua vita editoriale inizialmente è stata molto travagliata, perché i vari Moore e Miller non avevano ancora sdoganato il fumetto d'autore. Piazzare un lavoro così tetro, oscuro, non era certo facile. Questo, nonostante l'opera risentisse molto dell'influenza musicale dark e new wave degli anni '80. Il fumetto è infatti modellato sulla cultura dark, rappresentata soprattutto da Ian Curtis dei Joy Division, da Peter Murphy dei Bauahus, ma anche da Robert Smith dei Cure ( che ha dato le sue fattezza anche a Sandman di Neil Gaiman )

Eppure, per la sua natura oscura, Il Corvo resta relegato al ruolo di fumetto di culto, per una nicchia di estimatori che si sente attratta dagli scenari di morte dipinti da 0'Barr. Non c'è infatti nessun tipo di redenzione in questa storia, non ce ne può essere. Ci sono solo morte, disperazione, rimorsi e rimpianti. Non potrebbe essere altrimenti, di fronte alla tragica morte di Shelly per mano di un gruppo di balordi. Eric Draven non cerca giustizia, non saprebbe che farsene.Eric Draven vuole vendetta.

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-3.jpghttp://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-4.jpg

Il corvo gli permette di ottenerla, e questo gli basta. O meglio, gli deve bastare. Shelly ormai non può tornare indietro, né lui può raggiungerla. La sua anima è dannata, è inevitabile dopo aver accettato un patto del genere.  La seconda vita di Eric è un amalgama confuso di lacrime e sangue. Il ricordo di Shelly lo tormenta ogni secondo che passa, è una condanna dalle quale non può scappare. Erano giovani, innamorati, dovevano sposarsi. Non doveva finire così, in modo così violento. 

Il sangue scorre a fiumi, e questa è l'unica cosa che gli da pace, anche se solo momentaneamente. Poi è di nuovo il tempo dei ricordi, e dopo ancora si ricomincia. Questo è un ciclo che non si può spezzare.
Non puoi interrompere a metà e dire – ehi scusa, mi ero sbagliato. Non è così che funziona.

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-5.jpghttp://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-6.jpghttp://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-7.jpg

Una storia tragica, che probabilmente all'epoca era troppo “forte” per un pubblico abituato a semplici scazzottate tra eroi. Tuttavia l'horror, cinematograficamente parlando, tirava molto. E in seguito al film, ammantato da un'aura oscura a causa della morte di Brandon Lee, sono arrivati i riconoscimenti per James O'Barr e la sua opera. Il Corvo è stato ristampato più volte in volume e sono state prodotte altre miniserie ad esso ispirate. Il problema è che, anche se alcune si sono rivelate di buona fattura, l'originale è inarrivabile. 

Sarà perché la storia è ispirata a una vicenda realmente accaduta a un coppia di amici di 0'Barr, sarà che il Corvo ha avuto una realizzazione lunga e travagliata, resta il fatto che i successivi fumetti sono delle opere studiate a tavolino. Nel 1999 infatti O'Barr stringe un accordo con Todd Mc Farlane e la sua TMP ( Todd Mc Farlane Production ), per cui vengono prodotte di pari passo con una serie di action figures.

Insomma, non c'è la cruda spontaneità degli esordi, quando The Crow era stato portato avanti nonostante fosse più semplice mollare tutto e passare ad altro. Nessuno spirito di sacrificio, per dirla tutta.

Personalmente, sono contento che O'Barr abbia ricevuto il riconoscimento che, a parer mio, si merita. Però, così come credo che i dvd dei sequel del primo film siano buoni solo per il caminetto, preferisco leggere e rileggere il fumetto originale. 
Di Corvo ce n'è uno solo, e si chiama Eric Draven ( tra l'altro togliendo la D, resta raven, che significa proprio corvo ) 

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-8.jpghttp://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-9.jpghttp://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/solenero/corvo/corvo-10.jpg

Un fumetto che mi sento di consigliare, specialmente a chi ama le storie liriche e tragiche. Se poi siete amanti del film ... che state aspettando? 

Buona lettura, alla prossima!:ok

 

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 107

Ieri 118

Questa Sett. 225

Questo Mese 2186

Da Sempre 364722

Vai all'inizio della pagina