Ti trovi qui:Portale/Letteratura/Le Vostre Opere/Donna Clotilde Racconta.../Donna Clotilde Racconta - Capitolo II


Donna Clotilde Racconta - Capitolo II

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/lucia/donna-clotilde.jpg

La Garanzia

Testo Originale (con dialoghi in Dialetto Calabrese)

‘U sapiti ca ‘a figghja de l’avvocatu DeVerra si trasferìu a Catanzaru?” Don Ignazio si rivolge ai suoi due amici seduti ai lati della panchina.
Cui?” interviene don Mimì “donna Clotilde?
Eh!...eh!” risponde don Ignazio guardando ora don Mimì ora don Vincenzino che oggi sembra stranamente assente “mi dissa donna Tonina, a zzia, ca truvàu ‘na casa a via Milanu!
Daveeruu!?...e cu sapa com’è ca s’inda tornàu ‘e si parti!!” chiede don Mimì.
Ca ‘on ‘u sapistivu?
No!” si meraviglia don Mimì “cchi avìa ‘e sapira?
…ca Donna Clotilde si separàu do maritu e vozza ‘ma s’inda vena ccà!
Scusàti don Vicè, cchì avìti?” don Mimì nota il malumore dell’amico “Sunnu nu paru e jìorni cchì nun vi vìjìu bonu ‘e nènta!
Davèruu!!…siti sèmpa arraggiàtu! Ccù cùi l’avìti don Vicè?” E don Ignazio, dopo aver tirato l’ultima boccata di fumo,  spegne con la pianta del piede i resti della sua sigaretta.
E’ o vero…è o vero…sapìti cchì esta?   A mugghièra mia…nun ‘a suppòrtu cchiù?” Scuote costernato la testa don Vincenzo “nènta….nènta….nun ‘a suppòrtu’e nènta…
Mamma don Vincè, siti spusatu ‘e tant’anni e mò vìnda veniti ccù ssì  nesciùti…’ncì vò pacènza…’nci vò pacenza!
Quala pacènza e pacènza!! È mègghiu ma vi stacìti quètu don Mimì…” Risponde spazientito “…cchì ‘ndà potìti sàpiri  mò vùi?!…nun siti màncu spusàtu!”                         
Si po’ sapìra mò ppecchì nun jàti daccòrdu ccù ‘a mugghièra vostra?” Taglia corto don Ignazio.
’nci fussèra na cosa cchì ‘nci và bòna!..” spiega don Vincenzo “si nèsciu…ca nèsciu; si màngiu…cà mangiu; si dòrmu cà dòrmu…” e la mano di don Vincenzo si sposta ora a destra e ora a sinistra.
Eu sapìa cchì v’èravu spusàtu ppè amuri!
Qual’amùri, qual’amùri don Ignà, ma davèru ‘u dicìti!? Mu cumbinàru!!
E cùi?” Chiede don Mimì che, in verità, è rimasto un pò mortificato per l’aspra risposta di don Vincenzino.
U sòceru meu!” Risponde secco.
Don Rafèli Cannistà?! Ma davèèru?!"
Davèru…don Ignà, davèru!” Conferma don Vincenzo.
Silenzio.
Don Ignazzu…" chiede don Vincenzo “ Cchì…ma duneravu nà sicaretta?
Ca comu…ca comu…” e con soddisfazione infila la mano nella sua giacchetta e leva il suo ciancicato pacchetto di nazionali.
Pigghiàti don Vincè…pigghiàti…” E don Vincenzo, lusingato, estrae delicatamente la sua sigaretta.
Ve l’appìccicu eu don Vincè!” diligentemente don Mimì, come per riscattarsi, leva dalla tasca dei pantaloni un minuscolo accendino rosa e, lesto, accosta la fiamma alla sigaretta dell’amico.
Ca comu don Mimì, vi mintìstivu puru vui mà fumati mò?” Chiede don Ignazio che fra i tre è il fumatore più accanito.
Ppeccarità!!.. u tròvavi ‘ntèrra e mu misi inta ‘a sacca!” Intanto don Vincenzo ha acceso la sua sigaretta e va  lentamente calmandosi.
Silenzio.
Sapiti cchì fazzu mò?” Ricomincia don Vincenzo dopo lunga riflessione.
CChi voliti ma facìti don Vincè?” Chiede allarmato don Ignazio.
…cchì?” Gli fa eco don Mimì.
’ncià tornu arrètu…’ncià tornu!
Chì? A cui?
“’A mujièra mia…’cià tornu arretu ’a lu sòceru mèu!
Figuratevi si mò don Rafèli si pìgghia arretu donna Rosina!! U canuscìti bonu allora!
Si l’àva e pigghiàra, don Ignà…si l’àva e pigghiàra…vu dicu èu!!
E ppecchì?” chiede timidamente don Mimì.
Voliti sapìra ‘a verità?- va gesticolando don Vincenzo con la sigaretta accesa fra l’indice e il medio -’nci dicu cà mà dèzza…difettùsa
Ah, ah,ah…- ride di gusto don MImì –mò pigghiàstivu donna Rosina ppè na màchina?
E pùru si fussèra accussì…-interviene don Ignazio – ava e mò cchì vi scadìu a garanzia!!


Nota: Per chi non avesse familiarità con il dialetto calabrese, ecco a seguire la traduzione completa in italiano.



Testo Tradotto (con dialoghi in italiano)

[spoiler title=""]“Lo sapete che la figlia dell’avvocato De Varra si è trasferita a Catanzaro?” Don Ignazio si rivolge ai suoi due amici seduti ai lati della panchina.
chi?” interviene don Mimì “donna Clotilde?
eh!...eh!!” risponde don Ignazio guardando ora don Mimì ora don Vincenzino che oggi sembra stranamente assente “Donna Tonina, la zia, mi ha detto che ha trovato una casa in via Milano!
Davveeroo?!... e chissà com’è che è tornata da queste parti!”  chiede don Mimì.
Come! Non lo sapete?
No!” si meraviglia don Mimì “cosa dovevo sapere?
…che Donna Clotilde si è separata dal marito ed è voluta venire qua!
Scusate don Vincenzo, che cosa avete?”  don Mimì nota il malumore dell’amico “Sono due giorni che non vi vedo per niente bene!
Davvero!! Siete sempre arrabbiato! Con chi ce l’avete don Vincenzo?”  E don Ignazio, dopo aver tirato l’ultima boccata di fumo,  spegne con la pianta del piede i resti della sua sigaretta.
E’ vero!...è vero! Sapete perché? E’ mia moglie…non la sopporto più!”  Scuote costernato la testa don Vincenzo “non c’è niente da fare…non la sopporto proprio per niente…
Mamma mia don Vincenzo!! Siete sposato da tanti anni e adesso, cominciate e lamentarvi!....ci vuole pazienza….ci vuole pazienza!
Quale pazienza e pazienza!! E meglio che voi stiate zitto don Mimì!” Risponde spazientito “…Che ne potete sapere voi?!...non siete nemmeno sposato!!!
Si può sapere perché non andate d’accordo con vostra moglie?” Taglia corto don Ignazio.
Ci fosse una cosa che le sta bene!” spiega don Vincenzo “se esco….che esco, se mangio….che mangio, se dormo…che dormo!” e la mano di don Vincenzo si sposta ora a destra e ora a sinistra.
Io sapevo che vi eravate sposato per amore!!
Quale amore e amore don Ignazio! Ma davvero lo dite!! E’ stato un matrimonio combinato!
E chi l’ha combinato?” Chiede don Mimì che, in verità, è rimasto un po mortificato per l’aspra risposta di don Vincenzino.
Mio suocero!” Risponde secco.
Don Raffaele Cannistrà?! Ma davvero?
Davvero don Ignazio, davvero...” Conferma don Vincenzo.
Silenzio.
Don Ignazio…"  chiede don Vincenzo “mi offrite una sigaretta?
come no!!....come no!!!” e con soddisfazione infila la mano nella sua giacchetta e leva il suo pacchetto di nazionali.
Prendete Don Vincenzo…prendete…” E don Vincenzo lusingato, estrae delicatamente la sua sigaretta.
Ve l’accendo io don Vincenzo!” diligentemente don Mimì, come per riscattarsi, leva dalla tasca dei pantaloni un minuscolo accendino rosa e, lesto, accosta la fiamma alla sigaretta dell’amico.
Ma come don Mimì, avete cominciato anche voi a fumare adesso?” Chiede don Ignazio che fra i tre è il fumatore più accanito.
Per carità!!...l’ho trovato a terra e me lo sono messo in tasca!”  Intanto don Vincenzo ha acceso la sua sigaretta e va  lentamente calmandosi.
Silenzio.
Sapete che faccio adesso?” Ricomincia don Vincenzo dopo lunga riflessione.
Che volete fare, don Vincenzo?” Chiede allarmato don Ignazio.
Cosa?…” Gli fa eco don Mimì.
Gliela restituisco…gliela riporto indietro!
Chi? A chi?
Mia moglie!…gliela restituisco a mio suocero!
Figuriamoci se don Raffaele si riprende donna Rosina!! Non lo conoscete  per niente allora!
Se la deve prendere, don Ignazio…se la deve prendere…ve lo dico io!”
E perché?” chiede timidamente don Mimì.
Gli dico la verità…” va gesticolando don Vincenzo con la sigaretta accesa fra l’indice e il medio “gli dico che me l’ha data…difettosa!
Ah! Ah! Ah!...” ride di gusto don MImì “Che! Avete preso donna Rosina per una macchina?
E ammesso che fosse così…” interviene don Ignazio “è da un pezzo che vi è scaduta la garanzia!!
[/spoiler]

Nota: Ogni riferimento a persone, cose o fatti realmente accaduti è puramente casuale. I personaggi e le storie narrate sono frutto della pura immaginazione dell'autrice. Si declina ogni responsabilità.

 

Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it 2011. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 79

Ieri 98

Questa Sett. 79

Questo Mese 2740

Da Sempre 365276

Vai all'inizio della pagina