Ti trovi qui:Portale/Sezioni/Cinema/Era il 1985... o forse il 1955... o forse il 2011...


Era il 1985... o forse il 1955... o forse il 2011...

http://www.omnicomprensivo.it/forum/articoli/marco/t_1955.jpg

26 anni sono passati... 26 anni. 
Tutto ebbe inizio nel lontano 1980, anno in cui Bob Gale, giovane produttore cinematografico, trovò nella soffitta di casa il diario di classe del padre. Incuriosito dalla circostanza, Bob cercò di immaginare come sarebbe stato vivere in quegli anni. Questo pensiero divenne ben presto quasi un'ossessione, al punto da spingerlo a confidarsi con uno dei suoi migliori amici, Robert Zemeckis, che, in tutta risposta, domandò a Gale se sua madre in realtà era davvero quella ragazza virtuosa che diceva d'essere stata in gioventù...
E così, come spesso accade, da un piccolo evento, quasi fortuito, nasce una grande storia, talmente grande da segnare la vita di tante, tantissime persone. 

Arriviamo al 1985. Nell'aria suonava Johnny B. Goode, ed una Gibson 1963 ES-345 TD veniva impugnata da un ragazzo molto ma molto particolare... con un amico molto ma molto particolare... con una macchina molto ma molto particolare... alimentata da un materiale molto ma molto particolare: il plutonio... :shock: 
No.. un momento... mi sto sbagliando... non era il 1985... era il 1955... o almeno credo... :wow 
Avrete tutti capito di cosa sto parlando... e se non lo avete fatto per favore smettetela di leggere, questo articolo con fa per voi. :sui: 

Come dicevamo, era il 1955, anno di strategica importanza spazio/temporale, quando ad un ballo studentesco, il ballo "Incanto sotto il mare", un ragazzo, Levis Strauss, intonava il successo di Chuck Berry Johnny B. Goode, regalando alla storia un momento indimenticabile...





 

2011, Dicembre. Michael J. Fox prende in mano una Gibson 1963 ES-345 TD, rossa, all'A Funny Thing Happened On The Way To Cure Parkinson’s, evento benefico annuale organizzato dall'attore americano per finanziare la ricerca contro il Parkinson. Ed ecco che il miracolo si ripete, ma stavolta dal vivo, con tante differenze, ma anche con la stessa identica passione...



 

Se durante le riprese l’attore suonava in playback, adesso, 26 anni più tardi, suona dal vivo. E così, in una serata indimenticabile, ha scatenato la folla presente al Waldorf-Astoria di New YorkUn vero esempio per i malati di Parkinson, per la quale la star del grande schermo ha fondato la “Micheal J Fox Foundation”, che organizza raccolte fondi per la ricerca ed è la più grande fondazione no profit mondiale interamente dedicata alla ricerca di una cura.

Non voglio aggiungere altro. Non vi parlerò di Marty, di Doc o della DeLorean. Vi chiedo solo di chiudere gli occhi per un attimo e di aprire il vostro cuore ai ricordi...
A presto... indietro... nel futuro... :pop: 


Per discutere dell'argomento, potete adoperare il nostro forum andando qui...

Copyright © www.omnicomprensivo.it. Vietata la copia!

Trafiletti e Curiosità

Error: No articles to display

Visitatori

Oggi 8

Ieri 92

Questa Sett. 8

Questo Mese 2164

Da Sempre 368076

Vai all'inizio della pagina